Come aprire un negozio in franchising: tutte le informazioni utili

Prima di siglare un’affiliazione in franchising, sono da preventivare i costi di start - up...

Nel corso degli ultimi anni sono tanti i negozi in franchising che hanno aperto sul territorio nazionale, ma aprire un'attività con questa metodologia deve essere una scelta studiata in ogni dettaglio.  Il contratto di franchising infatti, è un accordo tra  produttore, che concede la commercializzazione dei propri prodotti a terze persone, nonché l’utilizzo del marchio e dell’insegna, e un rivenditore.

Cosa fare:

  • decidere in quale settore si vuole aprire l'attività 
  • effettuare una ricerca di mercato per identificare la potenziale concorrenza (usando google map, ad esempio, vengono indicati molti negozi indicando la categoria)
  • rivolgersi alle banche dati online per ottenere i nominativi delle aziende di franchising che cercano franchisee (chi concede il marchio al punto vendita si chiama franchisor).

Per quanti vogliono fare un investimento utilizzando il massimo della prudenza, esistono apposite agenzie specializzate che, con un costo pari a 0 euro, essendo il servizio a carico dei franchising, ci forniscono assistenza e consulenza sulla scelta del locale, sull'investimento da sostenere, sulla scelta del franchising e sul contratto di affiliazione. Oltre che fornirci consulenza e informazione sull'operatività del fracnhsing, agenzie del tipo, ci aiutano a comprendere meglio il contratto che ci accingiamo a firmare e a dare risposta a ogni dubbio in merito a questo e a agli obblighi, diritti e doveri che scaturiscono dalla sua sottoscrizione.

Contratto di franchising

A regolare i rapporti tra affiliato e affiliante c'è un contratto stipulato in forma scritta, che deve espressamente indicare l’ammontare degli investimenti e dei diritti di ingresso, le modalità di calcolo delle royalties, l’eventuale esclusiva territoriale, il know-how (conoscenze pratiche non brevettate derivanti da esperienze pregresse che il franchisor dovrà trasferire all’affiliato), i servizi offerti all’affiliato e le condizioni di rinnovo, risoluzione o cessazione del contratto.

La scelta del locale

Prima di proporsi come franchisee é comunque opportuno trovare un locale; infatti le prime cose che chiederanno saranno le caratteristiche del locale (posizione, zona, superficie espositiva, ecc.) oltre che l'investimento da realizzare. Inoltre prima di optare in maniera definitiva per un franchise sarebbe il caso di considerare l'investimento con un commercialista. Questi insieme alla casa madre deve aiutarci a sviluppare un prospetto o un business plan della nostra attività per la zona scelta.

Costi di avvio franchising

Prima di siglare un’affiliazione in franchising, sono da preventivare i costi di start - up. Primo fra tutti l’affitto di locale idoneo, solitamente, infatti, i franchisor richiedono locali costosi, ubicati in centro città o luoghi ad alta frequentazione come centri commerciali e aeroporti. Si susseguono le spese per le attrezzatura IT (dotazione informatica e software), per la gestione commerciale e ovviamente per il personale. A queste si aggiungono, solitamente, anche costi fissi, quali diritti d’ingresso o fee periodici, ossia una cifra fissa che l’affiliato versa al momento della stipula del contratto di affiliazione commerciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Divieto spostamenti Natale, Bonaccini: "Rischia di isolare chi vive in un piccolo comune"

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Covid, a Natale tutte le regioni in zona gialla? Bonaccini: "Aprire anche bar e ristoranti"

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

Torna su
BolognaToday è in caricamento