Rientro anti-traffico dal mare: gli Stradelli Guelfi

Una valida alternativa all'autostrada e alle code tipiche degli esodi e dei rientri, questi "stradelli" dove almeno una volta ci siamo tutti persi trasformano un itinerario in un viaggio nel territorio

Gli Stradelli Guelfi, una leggendaria 'scorciatoia' (un ponte spazio-temporale?) che salverebbe i bolognesi che si dirigono verso il mare e rientrano in città nelle giornate da bollino nero, proprio come in questo periodo estivo di ripresa post ferie. Attraggono e intimoriscono al tempo stesso perchè in pochi possono dire di conoscerli davvero. Si tratta di un centinaio di chilometri che collegano Bologna a Cervia. 

Il vantaggio di questa scelta è anche un'altra però: non solo si riescono ad evitare le code in autostrada, ma è possibile godere di un itinerario pieno di sorprese e soprattutto di sapori, visto l'elevato numero di trattorie e ristoranti disseminati lungo il percorso. Rassicurante il fatto che con l'avvento del digitale, grazie a un navigatore satellitare e a qualche dritta, perdersi sia diventato difficile (laddove prima non lo era affatto). 

Al ritorno dal mare si parte dunque da Cervia o da Cesenatico, dopo la SS16 Adriatica si passa da Castiglione di Ravenna e incrociando la E45 si oltrepassano San Pietro in Vincoli e San Pietro in Campiano. C'è poi Prada (una sosta possibile alla Trattoria La Miseria) e si supera la SS302 per varcare il fiume Lamone, arrivare a Cotignola e poi ancora a Bagnara di Romagna. 

C'è poi Mordano e un tratto sulla Statale 10 fino a Sasso Morelli (qui la trattoria La Sterlina). Via verso Castel Guelfo. Dopo Castel Guelfo (e magari una cena a La Rocca Guelfa), eccoci a Ponte Rizzoli, e a questo punto è fatta: Bologna è vicina, San Luca già quasi visibile e si è praticamente a San Lazzaro zona Caselle. 

Punti di maggiore interesse culturali segnalati da www.percorsialternativi.it

1. Cervia

  • Grande centro balneare con millenaria salina

2. Pisignano

  • Pieve di S. Stefano con Mitreo (culto del dio Mitra), sec. X

3. S. Pietro in Campiano

  • Chiesa sec. XVIII
  • Pieve Romanica sec. IX in S. Cassiano in Decima

4. S. Pietro in Trento

  • Villa Ramona
  • Pieve Romanica

5. Russi

  • Rocca
  • Chiesa S. Apollinare, ‘700
  • Chiesa S. Maria dei Servi
  • Ottocentesca Pescheria e Porta Nuova
  • Scavo di Villa Romana di età augustea

4. Cotignola

  • Chiesa di San Francesco, tardo romanico
  • Museo Varioli

5. Bagnara di Romagna

  • Borgo storico
  • Santuario B.V., 1853

6. Mordano

  • Chiesa e Monastero San Francesco, sec. XII
  • Chiesa S. Eustachio, sec. XIV
  • Torri, sec. XIX

7. Castel Guelfo

  • Chiesa delle Pioppe, sec. XVI
  • Palazzo del Podestà, sec. XV
  • Bastioni, sec. XV

8. Località Poggio Piccolo

  • Santuario Madonna B.V.

9. Località Poggio Grande

  • Villa Rodriguez

10. Dopo Ponte Rizzoli

  • Villa Isolani
  • Villa Angelica

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Maxi rissa in Piazza Verdi, volano pugni e bottiglie: "Un inferno mai visto prima"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, calo contagi e casi attivi: guarito oltre il 73% dei contagiati

Torna su
BolognaToday è in caricamento