Martedì, 15 Giugno 2021
Meteo

Neve e piogge, protezione civile: attivo fino a domani lo stato di attenzione, rischio slavine in Appennino

Previste abbondanti piogge e criticità da Piacenza a Bologna per neve. Prevista nel pomeriggio di oggi la diramazione, da parte della Protezione civile regionale e del Corpo forestale dello Stato, di un'allerta per rischio valanghe e slavine per i territori appenninici anche della provincia bolognese su quote superiori ai 1000 metri

Neve oggi a San Benedetto Val di Sambro

Resta alto il livello di guardia per l’ondata di maltempo che da ieri ha colpito le province dell’Emilia-Romagna, con forti nevicate soprattutto sui crinali e piogge diffuse fino alla costa. L’aggiornamento sulla situazione giunge dall’Agenzia regionale di Protezione civile.

Per le  province di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, in stato di  preallarme dopo l’allerta emessa ieri, destano maggiori preoccupazioni le precipitazioni a carattere prevalentemente piovoso previste questa notte e domani mattina. Particolare attenzione è riservata ad alcuni  fiumi, in particolare Quaderna e Idice nel Bolognese, per il possibile innalzamento dei livelli idrometrici.
La raccomandazione ai sindaci è quella di mettere in atto tutte le azioni preventive di vigilanza e monitoraggio degli argini, anche con il supporto del volontariato di Protezione civile - due squadre sono operative da ieri nei comuni di Malalbergo e Medicina - in raccordo con i Servizi tecnici di bacino. I cittadini sono invitati a non sostare in prossimità dei corsi d’acqua e sui ponti e a prestare attenzione alle indicazioni fornite dalle autorità locali.

Su tutto il territorio regionale rimane attivo fino a domani a mezzogiorno lo stato di attenzione per neve, vento, pioggia, stato del mare, criticità idraulica e idrogeologica. Resta in funzione ventiquattr’ore su ventiquattro il presidio del Centro operativo regionale della Protezione civile (Cor) per il necessario raccordo con i Comuni, le Prefetture, le Amministrazioni provinciali, Arpa, i Servizi tecnici di bacino e le strutture operative come Vigili del fuoco, Corpo forestale dello Stato, società autostradali.
Nelle province occidentali da Piacenza a Bologna le maggiori criticità sono legate alla neve, che secondo le previsioni di Arpa continuerà a cadere copiosa in Appennino fino a domani mattina, in attenuazione soltanto nel pomeriggio.



Prevista nel pomeriggio di oggi la diramazione, da parte della Protezione civile regionale e del Corpo forestale dello Stato, di un’allerta per rischio valanghe e slavine per i territori appenninici delle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna fino a lunedì su quote superiori ai 1000-1200 metri.  
Sulla costa è in corso una mareggiata che, sulla base delle previsioni meteo, continuerà nelle prossime ore, associata a vento forte che potrebbe raggiungere i 50 nodi. Il periodo di maggiore criticità è atteso dalla serata di oggi alle prime ore di domattina. Anche in questo caso è importante che i cittadini prestino la massima attenzione, non sostino davanti alle spiagge o in prossimità delle dighe foranee e seguano tutte le indicazioni fornite dalle autorità portuali e dalle amministrazioni comunali prima di intraprendere attività di diporto o pesca in mare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neve e piogge, protezione civile: attivo fino a domani lo stato di attenzione, rischio slavine in Appennino

BolognaToday è in caricamento