menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il grande caldo prosegue. E parte petizione: nuove fontane e giochi d'acqua per i bimbi

Mentre l'Ausl fa sapere che son stati allertati i servizi sanitari anche per i prossimi giorni, la Libera consulta per una città amica dell'Infanzia ha lanciato una serie di richieste al sindaco

39 gradi oggi a Bologna. Percepiti molto di più. Avvolti dalla canicola si spera in temperature più clementi. Speranza vana, secondo le previsioni meteo e il bollettino diramato dall'Ausl che comunica che continuerà anche" domani, venerdì 28 giugno l’ondata di calore in atto a Bologna, nei Comuni limitrofi e in pianura" e pertanto sono stati allertati nuovamente i servizi sanitari. 

E le temperature roventi di queste ore hanno messo in allarme i genitori bolognesi, che hanno lanciato una petizione  per chiedere al Comune di installare delle fontane a raso e dei giochi d'acqua per permettere ai bambini di rinfrescarsi giocando. E continuano a crescere le adesioni alla petizione lanciata su Change.org da Cinnica, la Libera consulta per una città amica dell'Infanzia che esorta direttamente il sindaco di Bologna, Virginio Merola, a fare qualcosa per superare il caldo estivo in città.

"La temperatura supera i 30 gradi per tre mesi l'anno, non tutti si possono permettere di mandare i bambini al mare tutta l'estate e il costo dell'ingresso delle piscine è proibitivo per tante famiglie", scrive il comitato spiegando le motivazioni della petizione che per ora, dopo 19 ore a quota 248 firme su 500. Le fontane a raso, ossia quelle a cui manca la 'vasca' e sulle quali si può camminare sopra per cercare un po' di refrigerio, "possono essere installate in modo permanente o provvisorio (con un meccanismo pop-up) sia nei parchi che nelle piazze- suggeriscono dal comitato, anche perchè - ormai sono ovunque ma a Bologna no".

Prima vera ondata di caldo: "Regole per prevenire malori, attenti al condizionatore"

Nella lettera il comitato aggiunge che il Comune, intervenuto già sulla questione, aveva detto "che non si possono mettere perche' 'l'acqua bagna' e "i bambini possono scivolare e farsi male...". Esistono però "soluzioni sicure (e ovviamente a norma), basta guardare le soluzioni adottate da numerosissime città del mondo (anche in Italia) dove fontane a raso e giochi d'acqua allietano i bambini e risolvono (almeno in parte) i disagi dovuti alle temperature sempre più alte che i cambiamenti climatici stanno generando".

Cosa mangiare per combattere l'afa anche a tavola

Cinnica sollecita prima di tutto due interventi. "Per cominciare, come primo intervento simbolico, chiediamo al Comune di Bologna il recupero o la trasformazione della vasca dei Giardini Margherita in giochi d'acqua per bambini". Oltre a questo, nel testo della petizione si legge anche che "vengano realizzati altri giochi d'acqua come ad esempio pompe (a manovella e non solo), viti di Archimede e giochi idraulici che permettano di sperimentare la dinamica dei fluidi". In questo modo i bambini possono "provare attività emozionanti legate all'elemento acqua oltre a mitigare la calura estiva presente nella nostra città".

Come combattere il caldo: consigli e rimedi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento