Auto ferme da settimane? Cosa fare in caso di batteria scarica

La stagione mite costituisce un grande aiuto per evitare danni alla batteria poiché è con il freddo e il gelo che gli accumulatori vanno più in sofferenza

A causa dell'emergenza sanitaria Covid-19 le numero restrizioni alla mobilità imposte dai  decreti emanati dal Governo per contrastare hanno determinato una situazione anomala: eccezion fatta per chi  utilizza l'auto per motivi di lavoro, moltissimi veicoli sono fermi nello stesso posto da settimane o vengono messi in moto soltanto di rado per andare a fare la spesa o altre necessità primarie.

Com'è risaputo la prolungata inattività del veicolo potrebbe provocare problemi, in particolare alla batteria. Un contrattempo che durante questa epidemia è molto comune è infatti quello della "batteria scarica" con auto che non vogliono saperne di mettersi in moto. Il consiglio è sempre quello di controllare la propria vettura solo se questa è nel garage o nel box di proprietà nell'abitazione in cui risiediamo, e di non uscire per controllarla nel caso in cui questa fosse parcheggiata per strada o lontano: i divieti alla mobilità infatti, permangono. 

Come comportarsi in caso di batteria scarica? Lo vediamo in questa guida. 

Auto ferme per Coronavirus, pericolo batteria scarica

Partiamo da un presupposto: la stagione mite costituisce un grande aiuto per evitare danni alla batteria poiché è con il freddo e il gelo che gli accumulatori vanno più in sofferenza. Per evitare che la batteria si scarichi bisogna però avere alcune imprescindibili accortezze:

- controllare che non ci sia nulla di acceso nella vettura
- se la macchina è ferma per oltre un mese, meglio staccare il polo negativo della batteria e isolarlo, ma per svolgere questa operazione è necessario avere una chiave adatta
- per le auto parcheggiate in un box o in un garage si può utilizzare un mantenitore della carica della batteria elettrico
- qualora per ragioni di lavoro sia consentito prendere l'auto, non basta metterla in moto per pochi chilometri, bisogna effettuare un tragitto di almeno 20 km.

Cosa fare in caso di batteria scarica

Nel caso in cui la batteria risulti scarica i due metodi principali con cui è possibile  sono provare a ricaricarla cercando di mettere in moto l'auto a spinta o con l'ausilio dei cavi. 

La prima tecnica è consigliata quando non si è in possesso dei cavi, per metterla in pratica, tuttavia, è necessario farsi aiutare da qualcuno. Trovato qualcuno che ci aiuti è necessario verificare che tutti gli apparecchi non necessari siano spenti e accendere solo il motore, impostare la seconda marcia e farsi spingere. Raggiunta una minima velocità, lasciando la frizione e accelerando contemporaneamente, l'auto dovrebbe accendersi.

Per ricaricare la batteria con i cavi, invece, è necessario l'ausilio di un'altra vettura poiché per riuscirvi bisogna collegare i cavi alla batteria della propria vettura e alla batteria di un altro veicolo che possa trasferire l'energia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

Torna su
BolognaToday è in caricamento