Gelicidio: cosa è e perché è molto pericoloso

Un fenomeno sempre più frequente nella pianura Padana

Durante la stagione più fredda dell'anno si sente parlare di gelicidio, ma cosa è? E perché è molto pericoloso?

Il gelicidio

E' bene fare un po di chiarezza su questo tema, partendo dal presupposto che in ambito meteorologico con gelicidio si intende un fenomeno che si verifica in particolari condizioni atmosferiche, cioè quando la pioggia rimane in forma liquida anche quando la temperatura superficiale delle gocce o goccioline è inferiore a 0 °C, e si solidifica a contatto con il suolo. Questo crea in pochissimi uno strato di ghiaccio trasparente, molto svicoloso e pericolosissimo per chi è al volante, in moto, bicicletta o a piedi. 

La diffusione

Un fenomeno che accade quando al suo è presente uno strato di aria fredda con temperatura sotto gli zero gradi e sopra c'è aria più calda. 

Il gelicidio è molto frequente nelle zone dell'Europa centro -settentrionale, e nel corso degli ultimi anni anche in tutta la pianura Padana. Il periodo in cui si registra è tra dicembre e gennaio, e genericamente  il gelicidio padano è conseguente a una nevicata.

I disagi

Si tratta di un fenomeno che si può prevedere solo in linea di massima, per questo si invitano i cittadini a prestare sempre la massima attenzione, sopratutto se alla guida. E' difficilissimo infatti, guidare e riuscire a percepire la formazione di questo sottolisissimo strato di ghiaccio se si è già in marcia e le conseguenze possono essere disastrose. Scivolose come il sapone, queste grandi lastre di ghiaccio sono sempre più frequenti, e l'invito è quello di accertarsi sempre delle condizioni meteo prima di metetrsi in viaggio in questo particolare periodo dell'anno.

 Meteo 13 dicembre: possibile gelicidio, neve e pioggia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

  • Covid, vaccino Johnson&Johnson in arrivo in Emilia Romagna. Ecco come funziona

  • Emilia-Romagna in zona arancione: ora è ufficiale

  • Prodotti senza etichetta: sequestrati 60 chili di cannoli, arancini e calzoni

  • Torniamo "arancioni": riaprono le scuole superiori, parrucchieri ed estetisti. Addio autocertificazione

  • Colli, auto veloci e ciclisti vittime di incidenti: il comune schiera lo 'scout speed'

Torna su
BolognaToday è in caricamento