Spesa online ed eccellenze gastronomiche locali: il binomio vincente di un market place

Una passeggiata virtuale tra sapori tipici e le vetrine dei migliori negozi alimentari del territorio

Per chi abita in città andare fisicamente per negozi a fare la spesa può essere un problema. Mettersi in macchina prima di andare a lavoro o al termine di una giornata passata in ufficio, infatti, vuole spesso dire rimanere imbottigliati nel traffico delle ore di punta. E affidarsi ai mezzi pubblici o alla bicicletta risolve il problema solo a metà: trasportare pesanti borsoni su autobus stipati o sul manubrio della propria bici non è certo un gioco da ragazzi. Senza contare poi le limitazioni e le difficoltà legate all’emergenza sanitaria in corso, come le lunghe code fuori dai negozi causate dagli ingressi contingentati.

Non deve stupire, allora, l’impatto dirompente avuto dagli e-commerce sulle abitudini degli italiani, che sempre più frequentemente ricorrono a servizi di spesa online: da un lato i consumatori vengono messi al riparo dalle criticità oggettive sopracitate, dall’altro possono ordinare comodamente da casa, con un semplice click, tutto quello di cui hanno bisogno.

La familiarità sempre maggiore delle persone con gli e-commerce, inoltre, ha a sua volta determinato lo sviluppo di tali piattaforme, che negli ultimi anni hanno saputo evolversi diversificando la propria offerta per restituire alla clientela qualcosa di più del semplice servizio di home delivery.

Basti pensare a Driiin.com – arrivato sul mercato nell’ottobre del 2020 –, il market place dei migliori negozi enogastronomici del territorio bolognese nonché il primo vero programma di ampio respiro finalizzato alla digitalizzazione del settore retail alimentare italiano.

Il progetto – nato da un’idea di Alessandra Anguillari, Roberto Melloni, Francesca Fazioli, Manuele Fanti e Luca Marchesi – si pone un obiettivo ambizioso e al tempo stesso concreto: estendere la comodità dei servizi di spesa online al mondo delle botteghe enogastronomiche.

Da qui il lancio di una piattaforma tecnologica e user friendly che permette agli utenti di scegliere tra oltre 3.000 referenze – frutta, verdura, carni, salumi e affettati, pesce, pane, vini e molto altro – dei negozi tipici della città di Bologna e dintorni su un unico portale e ricevere a casa, con un sola consegna, una spesa qualitativa e varia.

E in tempi estremamente rapidi: il servizio di consegna – attivo a Bologna e provincia – viene effettuato da rider equipaggiati con bici cargo che portano la spesa a casa degli utenti entro 12 ore dall’ordine e senza costi aggiuntivi. I pagamenti, invece, vengono effettuati online con carte di credito o di debito e Paypal.

Ma Driiin.com è qualcosa di più di un semplice e-commerce: è uno spazio virtuale che valorizza i saperi e i sapori di un territorio, è una vetrina che mette in mostra l’importanza dell’artigianalità, è un megafono che dà voce ai negozi e ai loro prodotti, veri protagonisti di un percorso del gusto che guida l’utente alla scoperta della tipicità enogastronomica del territorio bolognese.

Oltre al servizio di spesa online, quindi, Driiin.com racconta ai propri utenti – tramite una sezione dedicata – le storie degli imprenditori della città, la loro passione, il loro legame con il territorio di riferimento e la produzione nel segno del Made in Italy.

E soprattutto, Driiin.com non ha intenzione di fermarsi: l’obiettivo per l’anno a venire è riporre il servizio in altre province italiane per posizionarsi sul mercato come primo player della spesa alimentare a casa – dopo le piattaforme della GDO – e, a tendere, come l’e-commerce di riferimento per una spesa enogastronomica genuina e qualitativa.
 

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Primark sbarca a Bologna, il colosso del low-cost apre a Casalecchio e assume 120 persone

  • Investimento tra Marzabotto e Pian di Venola: traffico in ripresa sulla Bologna-Pistoia

  • Bollettino covid Bologna e Emilia Romagna oggi 8 aprile: morti dimezzati, ricoveri ancora in calo

  • Bollettino covid: calano i ricoveri, ma ancora 13 morti a Bologna. Un 44enne la vittima più giovane

  • Covid, in arrivo 40mila sms per vaccinare le persone vulnerabili

  • Emilia-Romagna in zona arancione: ora è ufficiale

Torna su
BolognaToday è in caricamento