rotate-mobile

Aborto, pillola nei consultori. Potere al Popolo: "Controlleremo, solo proclami per calcoli Pd" | VIDEO

La conferenza davanti alla sede dell’Assemblea Regionale con la portavoce nazionale Marta Collot e la consigliera di quartiere Francesca Fortuzzi

La decisione della Regione di distribuire la pillola abortiva nei consultori, annunciata la scorsa settimana dal presidente della Regione Stefano Bonaccini, per Potere al popolo è una mossa politica del Pd. "Vediamo se alle parole seguiranno i fatti, faremo un controllo popolare", dichiara la portavoce Marta Collot davanti alla sede dell'Assemblea Legislativa. Con lei anche la consigliera di quartiere Francesca Fortuzzi.

"È un tentativo di correre ai ripari da parte di un Pd messo davanti alle proprie contraddizioni, in seguito all'episodio che ha visto la deputata Laura Boldrini contestata a Roma durante il presidio di 'Non una di meno' in occasione della Giornata internazionale per il diritto all'aborto, quando è stata di fatto cacciata dalla piazza dalle studentesse di Osa e di Potere al popolo", dice Collot.

"Noi non ci dimentichiamo quali sono le responsabilità del Partito democratico non solo nello smantellamento della sanità pubblica, nella privatizzazione dei servizi e nel rendere quindi l'accesso alle cure anche per le donne sempre più difficile", in particolare con l'allora ministra della Sanità Beatrice Lorenzin, che "non solo ha messo la pillola contraccettiva a pagamento, ma anche per aver aumentato addirittura le multe per quanto riguarda l'aborto clandestino, cosa che evidentemente va a colpire maggiormente le donne in difficoltà. Penso soprattutto alle donne migranti", attacca la portavoce nazionale di Pap.

"Quello che ha dichiarato a parole Bonaccini – prosegue – doveva già essere fatto nella pratica due anni fa, senza contare che oggi si parla di una sperimentazione che inizia in una singola città, Parma, e non ancora in tutto il territorio regionale. Per questo c'è ancora tanto da fare".

Per Potere al Popolo c'è un problema di diritto ad abortire anche in Emilia-Romagna. "Vogliamo ribadire come questi sviluppi sono vittorie di chi lotta e di chi vuole costruire una rottura con questo sistema. Come Potere al Popolo continueremo la pratica del controllo popolare sulle amministrazioni e sul governo, che insieme al conflitto sociale sono la unica forma di garanzia per il miglioramento delle condizioni di vita".

"Ci organizzeremo per esigere i nostri diritti affinché le amministrazioni pubbliche facciano la propria parte destinando risorse per il bene collettivo anziché a opere inutili e alla spesa militare".

Nudm in piazza per l'aborto sicuro. "Libertà per le donne iraniane" | VIDEO

Sullo stesso argomento

Video popolari

Aborto, pillola nei consultori. Potere al Popolo: "Controlleremo, solo proclami per calcoli Pd" | VIDEO

BolognaToday è in caricamento