Martedì, 21 Settembre 2021
Politica Fiera / Viale Aldo Moro

Polizie Provinciali, il leghista Fabbri dice no all'accorpamento Ferrara/Bologna

Alan Fabbri: "Il problema è a monte, in una riforma sbagliata, contro la quale la Regione dovrebbe fare ricorso alla Corte costituzionale"

Per il leghista in Regione Alan Fabbri “L’ipotesi di una polizia provinciale di area vasta è un controsenso assoluto. I problemi della Provincia di Ferrara (totalmente pianeggiante e con la costa) sono diversi da quelli della provincia di Bologna (che ha una vasta area montana), c’è una specificità che dev’essere salvaguardata".

LA RIFORMA DELRIO: "SI GIOCA A RISIKO SULLA PELLE DEI LAVORATORI". Continua la nota di Alan Fabbri: "Il primo problema è la riforma Delrio che ha messo nei guai anche i Comuni, bloccando le assunzioni in attesa di capire come dovrà essere riorganizzato il personale. Non si può giocare a Risiko sulla pelle dei lavoratori. Il problema è a monte, in una riforma sbagliata, contro la quale la Regione dovrebbe fare ricorso alla Corte costituzionale. Il capogruppo leghista in Regione Alan Fabbri si scaglia contro la paventata ipotesi di mantenere sugli enti di area vasta il personale, anche delle polizie provinciali, ipotesi contenuta nella risposta dell’assessore Petitti ai consiglieri regionali ferraresi del Pd. Fabbri chiede alla Regione di “iniziare a pensare seriamente all’ipotesi di un ricorso alla Consulta contro la scellerata legge Delrio”.

Sempre secondo Fabbri il Partito Democratico farebbe politica in ordine sparso: "Dopo la confusione innescata dalla legge Delrio ciascuno ha le sue ipotesi, regolarmente smentite dal governo, unico a decidere, puntualmente in senso contrario alle esigenze e alle richieste dei territori.  Prima si parlava di accorpamenti con le polizie locali, ora di accorpamenti tra polizie provinciali,  sullo sfondo le incertezze dell’approdo in Regione per migliaia di dipendenti e il blocco del turn over imposto ai Comuni: c’è un caos istituzionale senza precedenti. La Provincia è diventata una scatola vuota, ridotta al dopolavoro del sindaco Tagliani. E se un imprenditore ha bisogno di risposte, ad esempio in ordine ai permessi ambientali, ottenerle è sempre più difficile, in primis perché è ormai difficile interpretare chi fa cosa. E soprattutto: con quali risorse, visti i tagli criminali agli enti locali. La legge Delrio ha istituzionalizzato il caos, va cancellata”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizie Provinciali, il leghista Fabbri dice no all'accorpamento Ferrara/Bologna

BolognaToday è in caricamento