Politica

Valsamoggia, Manuele Luppi candidato con la lista 'Liberi': 'Sicurezza, giovani e tasse'

Il consigliere leghista a Monteveglio appoggiato da NCD e FdI: 'Non abbiamo voluto mettere il nome del nuovo comune sul simbolo, la fusione non l'abbiamo voluta e non l'abbiamo votata'

Manuele Luppi 35 anni, Consigliere Comunale uscente della Lega Nord, è candidato Sindaco per il comune della Valsamoggia con la Lista Civica “Liberi” è appoggiata anche da Fratelli d’Italia ed Ncd.

Quali priorità per il nuovo comune? “La sicurezza, i giovani e la tassazione locale" un programma "che mette in primo piano le nostre famiglie ed i nostri giovani, un sistema di revisione complessivo del welfare territoriale, un piano di investimenti per aumentare la sicurezza, per sostenere i nostri giovani disoccupati e le famiglie, un piano per diminuire la pressione fiscale locale e potenziare l’erogazione dei servizi attraverso l’individuazione di costi standLogo liberi valsamoggiaard" scrive Luppi che se la dovrà vedere con Daniele Rusigno, vincitore delle primarie del centro-sinistra, appoggiato da due liste civiche, Civicamente Samoggia con Simone Rimondi, Nostra Valsamoggia con Luigi Gandolfi, Forza Italia con Marcella Osti e con il candidato 5 Stelle che verrà presentato giovedì prossimo.

Nel 2009 alle elezioni comunali a Monteveglio, il consigliere leghista  incassò il 23.4% dei voti con una lista che portava lo stesso nome.

"Punti molto chiari e definiti che vanno a sostegno dell’economia locale e della salvaguardia delle nostre tradizioni". Sul simbolo della lista "noi non abbiamo voluto mettere il nome del nuovo comune, al contrario di tutte le altre liste che correranno in Valsamoggia. La fusione non l’abbiamo voluta e non l’abbiamo votata, noi chiediamo che i cittadini siano messi al primo posto e si sentano liberi e protagonisti nel loro territorio”.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valsamoggia, Manuele Luppi candidato con la lista 'Liberi': 'Sicurezza, giovani e tasse'

BolognaToday è in caricamento