rotate-mobile
Politica

Appalti Global Service, contestati. Merola: 'Fiducia nei dirigenti"

Due impiegati comunali indagati per 'turbativa d'asta'. "C'é un avviso di garanzia, vediamo come va a finire", così il sindaco sulla turbolenza che ha investito il Comune

Non è parso scosso il sindaco dopo la nuova turbolenza che ha investito il Comune di Bologna, dove sono stati recapitati due avvisi di garanzia inseguito a presunte irregolarità sugli appalti, che avrebbe favorito le Coop.

"C'é un avviso di garanzia e vediamo come va a finire. Piena fiducia nella magistratura e nei dirigenti". Queste le parole con cui il primo cittadino Virginio Merola ha risposto a chi gli ha domandato se fosse preoccupato per la dirigente e l'ex funzionario comunale indagati per gli appalti del Global Service.

IL FATTO. Al centro del casus belli, indagata pe turbativa d'asta, è finita la direttrice del settore gare del Comune, insieme ad un ex funzionario dei Lavori pubblici, ora trasferito in Regione, che fu responsabile del procedimento di assegnazione. L'ipotesi di Procura e Guardia di Finanza è che le Coop possano essere state favorite nell'assegnazione di uno dei tre rami d'appalto Global service, che si occupa della manutenzione degli edifici pubblici (gli altri riguardano strade e verde). Per l'accusa, alla cordata capitanata da Ccc, poi vincitrice, sarebbe stata concessa una proroga dei termini che agli altri concorrenti fu invece negata, così da creare un ingiusto vantaggio.



 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti Global Service, contestati. Merola: 'Fiducia nei dirigenti"

BolognaToday è in caricamento