Strage Bologna, Bignami (FdI): "Conte firmi desecretazione, non farlo significa voler nascondere documenti "

"Acquisire ulteriori elementi per giungere alla completa conoscenza di quanto accadde"

"L’esigenza di conoscere la verità, tutta la verità, impone oggi al Presidente del Consiglio Conte di procedere alla desecretazione di tutti gli atti relativi alla Strage di Bologna, consentendo così di acquisire ulteriori elementi per giungere alla completa conoscenza di quanto accadde". Così Galeazzo Bignami, deputato bolognese di Fratelli d'Italia.

"Dopo la delibera del Copasir - Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, votata all’unanimità, spetta ora a Conte firmare la desecretazione. Non farlo significa voler nascondere documenti che evidentemente contengono elementi che non si vogliono rendere noti - sottolinea il deputato - farlo significa schierare definitivamente lo Stato dalla parte delle Vittime e della città di Bologna, al di là delle parole di circostanza che ogni anno i bolognesi ascoltano. E’ nella penna del Presidente del Consiglio questa scelta e compierla nel 40° anniversario della Strage costituisce una decisione che andrebbe ben al di là del già forte valore simbolico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

Torna su
BolognaToday è in caricamento