Politica Imola

Imola chiude il bilancio, oltre 7 milioni a disposizione della città: ecco come verranno distribuiti

Circa 3, 7 milioni di euro sono destinati a investimenti e manutenzione ed oltre 3,5 milioni di euro alla spesa corrente. Le risorse derivano per 3,3 milioni di euro dall’avanzo vincolato e per 3,9 milioni di euro dall’avanzo libero

Il sindaco Marco Panieri

La giunta comunale di Imola ha approvato l’assestamento generale di bilancio e la salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2021 con annessa variazione al bilancio 2021-2023. La delibera sarà discussa in Consiglio comunale giovedì 29 luglio, per la valutazione finale, dopo che martedì 27 luglio sarà sottoposta alla Commissione consiliare Bilancio, per l’istruttoria e l’approfondimento. Nel complesso, con questo assestamento di bilancio 2021, il Comune mette a disposizione della città ulteriori 7,2 milioni di euro, di cui quasi 3, 7 milioni di euro sono destinati a investimenti e manutenzione ed oltre 3,5 milioni di euro alla spesa corrente.

Questa delibera appena approvata dalla giunta viene presentata dopo l’approvazione del bilancio di previsione 2021 e piano investimenti 2021/2023 avvenuto a fine marzo e del rendiconto 2020, avvenuto a fine maggio 2021 nel quale veniva accertato sia l’avanzo vincolato sia l’avanzo libero, ora disponibili per la parte che non è stata prudentemente mantenuta a riserva, nella misura di 3,3 milioni di euro di avanzo vincolato e di 3,9 milioni di euro di avanzo libero. “Con questa delibera abbiamo scelto di continuare a mettere al centro della nostra azione di governo una nuova stagione negli investimenti, nella manutenzione della città e nelle agevolazioni tariffarie, a sostegno delle famiglie e delle imprese. Tutti aspetti concreti che i cittadini potranno vedere prendere forma nei prossimi mesi di quest’anno, per guardare al futuro con fiducia” commenta Marco Panieri, sindaco di Imola.

Da parte sua, Fabrizio Castellari, vice sindaco ed assessore al Bilancio spiega: “abbiamo dato seguito agli impegni assunti quando abbiamo approvato il bilancio di previsione e accertato sia il rendiconto che l’avanzo di bilancio e lo abbiamo fatto con rigore e prudenza, con l’obiettivo di tenere i conti in equilibrio e di creare una risposta all’altezza dei bisogni in questo periodo particolare, sia sul fronte degli investimenti e delle manutenzioni sia sul fronte della spesa corrente. Avevamo detto di destinare gli avanzi sia agli investimenti che alla manutenzione della città e per quanto riguarda la spesa corrente di rimpinguare i capitoli di questa annualità che cade ancora in tempi di Covid, ma già con lo sguardo rivolto ad un futuro che speriamo tutti non essere più segnato dalla pandemia”.

Quasi 3,7 milioni di euro destinati a investimenti e manutenzione della città - “Sapevamo di avere un avanzo libero ed un avanzo vincolato di una discreta entità e questo ci ha permesso di fare fronte a impegni che avevamo preannunciato. Avere scelto di dare la priorità a investimenti e manutenzione della città, un tema al centro dell’impostazione data dalla nuova Amministrazione comunale a guida Panieri, ha significato destinare a questo scopo in totale 3,668 milioni” evidenzia il vice sindaco Castellari.
La somma complessiva di 3,668 milioni di euro destinati a investimenti e manutenzione della città della città deriva da 1,416 milioni di euro destinati ad investimenti provenienti da avanzo vincolato, più altri 197 mila euro con avanzo specifico per investimenti a cui si aggiungono 1,8 milioni di euro da avanzo libero, oltre ad altre entrate in misura minore.

Nello specifico, per quanto riguarda l’1,416 milione di euro di avanzo vincolato sono previsti e in parte già avviati, fra gli altri, i seguenti interventi: per circa 250 mila euro per interventi di manutenzione scuola media ‘Orsini; per circa 168 mila euro per il restauro conservativo della rocca sforzesca; per 140 mila euro per la manutenzione dei ponti di via Ponticelli Pieve e di via Rio Rondanina; per 40 mila euro per la sistemazione della frana di via Lola; per 82.000 euro per la realizzazione della pista ciclabile via Farolfi-via Ortignola; per 161 mila euro per la manutenzione straordinaria degli impianti sportivi; per 553 mila euro per la manutenzione straordinaria delle strade. 

Per quanto riguarda l’1,8 milioni di euro di avanzo libero, sono previsti, fra gli altri, i seguenti interventi: 1,5 milioni di euro per l’acquisto degli ultimi residui delle reti di illuminazione pubblica per interventi realizzati nell’ultimo decennio dal gestore su commissione del Comune (è già avviato il project financing che porterà ad un nuovo assetto e ad un miglioramento della gestione dell’illuminazione pubblica nei prossimi anni); 100 mila euro per la messa in sicurezza di strade, in particolare delle piste ciclabili; 76 mila euro per la manutenzione di strade comunali; 50 mila euro per l’acquisto di arredi e giochi per i centri sociali; 49 mila per interventi nei centri sociali; 33 mila euro per il rinnovo delle attrezzature negli asili nido comunali. 
I 197 mila euro con avanzo specifico destinato ad investimenti serviranno a finanziare la progettazione (dl punto di vista strutturale, architettonica e della sicurezza) di grandi opere, quali: la nuova rotatoria fra la via Emilia e la via Zello; il consolidamento strutturale del ponte di viale Dante; il completamento del restauro del cimitero monumentale del Piratello.

Oltre 3,5 milioni di euro destinati alla spesa corrente - La parte a disposizione della spesa corrente ammonta complessivamente a 3,558 milioni di euro, di cui 3 milioni e 67 mila per maggiori spese e 491 mila euro per minori entrate: questa somma complessiva sarà finanziata con l’avanzo vincolato per 1,451 milioni di euro e con avanzo libero per 2,107 milioni di euro.
Per quanto riguarda l’1,451 milioni di euro di avanzo vincolato sono previsti ed in parte già avviati, fra gli altri, interventi per circa 1 milione di euro per i ristori indicati per la Tari e il contenimento della tariffa; 54 mila euro per il fondo inquilini morosi incolpevoli; 99 mila euro per l’acquisto di beni alimentari nell’ambito del progetto di sostegno all’emergenza Covid-19; 80 mila euro per i ristori per la locazione di locali comunali ad attività produttive ed associazioni.

Per quanto riguarda i 2,107 milioni di euro dall’avanzo libero, 600 mila euro sono destinati a interventi aggiuntivi da svolgere o già svolti da parte di Area Blu; 1,3 milioni di euro per tutti i servizi educativi di asilo nido e scuola dell’infanzia e per tutti i servizi scolastici, ovvero trasporto, refezione scolastica, assistenza alla disabilità, diritto allo studio, nuove agevolazioni tariffarie approvate con il bilancio 2021 e tra l’altro per l’attivazione dei nuovi 57 posti di asilo nido, a partire da settembre 2021; 179 mila euro di maggiori oneri per allinearsi al piano economico finanziario di Arera (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente), ovvero per contenere le tariffe Tari 2021 per le utenze domestiche.
I 491 mila euro di minori entrate derivano da una riduzione delle entrate da sanzioni del codice della strada e da una diminuzione delle entrate da rette per nidi, per la refezione e il trasporto scolastico causa la chiusura delle scuole e la quarantena, per il Covid-19, nella primavera del 2021.

Castellari: “abbiamo rispettato gli impegni presi con i cittadini” - “In questa fase che speriamo tutti sia davvero di uscita dopo oltre un anno di emergenza Covid-19, abbiamo utilizzato ancora una volta gli strumenti del rigore e della prudenza. Abbiamo riaffermato gli equilibri di bilancio 2021, corredati dal parere favorevole dei revisori dei conti e abbiamo investito le risorse prelevandole sia da avanzo vincolato, al quale possono accedere soltanto i Comuni che hanno i conti in ordine, sia da avanzo libero” sottolinea il vicesindaco Castellari, che spiega: “con questa nostra scelta, abbiamo rispettato gli impegni presi con i cittadini sia in sede di approvazione di bilancio di previsione 2021 sia di rendiconto 2020, che si possono sintetizzare in tre punti. In primo luogo la nuova forte spinta a sostegno degli investimenti e della manutenzione della città; in secondo luogo il ripristino della spesa corrente per i capitoli di spesa diminuiti in sede di bilancio di previsione o legati a nuovi bisogni scaturiti dall’emergenza pandemica; in terzo luogo la gestione dei ristori e del “fondo funzioni fondamentali”, mettendo subito a disposizione, fin dai primi mesi del 2021, delle categorie che ne potevano usufruire quelle risorse che lo Stato ci aveva appositamente trasferito”.
“Ne esce un quadro di equilibrio che ci porta da qui alla fine del 2021 con i piedi per terra e la prospettiva di guardare con serenità ad una fase ancora complicata che speriamo davvero si possa chiudere entro quest’anno. Abbiamo utilizzato prudenza ed equilibrio nell’affrontare la fine del 2020 e questo 2021, ancora segnati dal Covid-19. Questi bilanci sono stati per noi gli strumenti che ci hanno consentito di gestire un periodo anomalo e complicato” conclude il vice sindaco Castellari.
Che infine sottolinea come questo assestamento di bilancio sia, ancora una volta, il frutto di un lavoro di squadra di tutta la giunta e per la parte tecnica di tutti i settori, coordinati dalla dirigente del settore ragioneria, Claudia Paparozzi, di concerto con tutti i colleghi dirigenti e tutti i servizi, in particolare quelli della ragioneria e degli investimenti e manutenzione.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imola chiude il bilancio, oltre 7 milioni a disposizione della città: ecco come verranno distribuiti

BolognaToday è in caricamento