menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Forza Nuova, blitz nelle sedi PD: "Regalasi cittadinanza italiana"

Cartelli con la scritta "Regalasi cittadinanza italiana", per esprimere la contrarietà al disegno di legge che introdurrebbe la cittadinanza breve per gli immigrati. Calvano: 'Se a Forza Nuova non piace quello che il Pd e il Governo stanno facendo, allora vuol dire che siamo sulla strada giusta'

Un blitz notturno quello di Forza Nuova davanti alle sedi del PD bolognese e non solo. Cartelli con la scritta "Regalasi cittadinanza italiana", per esprimere la contrarietà al disegno di legge che introdurrebbe la cittadinanza breve per gli immigrati. Sulle porte di tante sedi del Partito Democratico di Bologna in Emilia-Romagna, ma anche in tante altre città italiane, i cartelli hanno voluto contestare la "recente votazione positiva, avvenuta alla Camera, sul disegno di legge che vorrebbe introdurre la cittadinanza breve agli immigrati, fondandola sui criteri dello ?#‎IusSoli e dello Ius Culturae".

Un blitz, ha dichiarato Mattia Piras, responsabile Provinciale per "lanciare il guanto di sfida al partito di Renzi su una tematica che per noi è fondamentale. Il nuovo provvedimento, allo studio del parlamento, come già abbiamo detto, è ideologicamente finalizzato ad uccidere la Patria e i suoi figli, rovesciando il criterio tradizionale della cittadinanza fondata sul sangue, al fine di estirpare ogni senso di appartenenza ed identità e forgiare, in questo modo, una massa acefala di consumatori al servizio della macchina capitalista".

Forza Nuova aveva messo in chiaro le proprie posizioni anche nella manifestazione di sabato scorso, quando il leader e fondatore Roberto Fiore aveva detto ai cronisti: "Renzi stia vendendo l'Italia su due punti" ovvero "i diritti civili alle coppie gay e lo jus soli, due leggi fatte per scardinare il tessuto sociale".

"Questo governo da una parte non fa nulla per le famiglie (anzi progetta di distruggerle con le unioni civili), non fa nulla per la disoccupazione, non fa nulla per i poveri che aumentano a macchia d'olio, dall'altra è pronto a farsi carico di centinaia di migliaia di presunti nuovi cittadini, senza che questi abbiano dimostrato in alcun modo di meritare un onore e un onere così alto - continua Piras - per questi motivi già sabato pomeriggio saremo in piazza per raccogliere le firme in vista di un referendum che presenteremo non appena la legge entrerà in vigore. Su questa battaglia siamo pronti a mobilitarci su tutto il territorio nazionale, come dimostrato già nelle manifestazioni di sabato scorso. Non passeranno!"

LE REAZIONI. "Non c'è nulla di più vigliacco che agire durante la notte affiggendo cartelli di stampo razzista - ha scritto il PD bolognese in una nota - azioni e contenuti vergognosi, che appartengono ad un pensiero che nel passato ha fatto male al nostro Paese, generando una stagione di odio e xenofobia, ancora oggi stupidamente rivendicata. Condanniamo con fermezza questi gesti convinti che in Italia e a Bologna queste idee non possano avere diritto di cittadinanza. Noi siamo e saremo sempre un partito che fonda le proprie radici nella cultura dell'uguaglianza e della solidarietà, ci batteremo ogni giorno per una società più inclusiva ed accogliente condannando perciò questi gesti vergognosi che rievocano un capitolo chiuso della storia del nostro Paese".

"Il dna di Forza Nuova non mente nemmeno questa volta. Invece di confrontarsi in modo democratico questi signori preferiscono approfittare dell’oscurità per affiggere cartelli nella notte", scrive in un comunicato il capogruppo Pd in Regione Stefano Caliandro.

"Il Partito democratico di Bologna non si farà certo intimidire dall'azione di Forza nuova rivolta contro diversi dei suoi circoli. Anzi, tutto il contrario", ha detto il deputato bolognese Andrea De Maria. La battaglia "contro ogni forma di xenofobia e razzismo, l'antifascismo ed il richiamo ai valori della Costituzione- conclude De Maria- sono elementi fondamentali dell’identità del Pd, di cui siamo orgogliosi. Crediamo che non si debbano sottovalutare posizioni estremistiche ed intolleranti, che vogliamo combattere con le armi della democrazia e dello stato di diritto".

"Se a Forza Nuova non piace quello che il Pd e il Governo stanno facendo rispetto ai diritti di cittadinanza, allora, semplicemente, vuol dire che siamo sulla strada giusta". Ha scritto sul suo profilo Facebook il segretario regionale del Pd Paolo Calvano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento