Bonaccini in ripresa, ringraziamenti e promesse: "Al lavoro per integrare i ristori nazionali e proposta sul Recovery Plan"

Dopo la notte in ospedale e il riposo suggerito dai medici, il Governatore torna a parlare ai cittadini e fa il punto sulle priorità dell'amministrazione regionale

Dopo la notte in ospedale per controlli a seguito della polmonite bilaterale da Covid e il riposo consigliato dai medici, il presidente della regione Stefano Bonaccini, ancora convalescente, torna a parlare agli emiliano-romagnoli. Lo fa attraverso un post su Facebook, partendo con i ringraziamenti ai conterranei per la vicinanza dimostratagli in questo periodo di difficoltà personale, per poi ricordare loro che solo 'uniti' si vince la battaglia contro il coronaviurs, e richiamare i cittadini al rispetto delle regole per poter alleggerire il sistema sanitario. Poi il Governatore si rivolge alle categorie di lavoratori più colpite dalla crisi e fa il punto sulle attività pensate dalla amministrazione regionale in questa direzione. 

L'Emilia Romagna diventa arancione: "Pesano stress e pressione sui nostri ospedali" 

Svuotare ospedali, alleggerire sanità

"Da sabato e domenica sono in vigore nella nostra regione nuove misure restrittive. Conoscete il mio pensiero: le polemiche non mi piacciono, le trovo assurde in un momento drammatico come questo. E' naturale avere anche visioni discordanti, ma per uscire dalla pandemia abbiamo un'unica strada davanti: lavorare insieme per abbassare il prima possibile la curva dei contagi, svuotare gli ospedali e aiutare medici, infermieri e operatori sanitari, encomiabili ogni giorno". Cos il governatore, puntando l'attenzione su quella che è tra le primarie necessità, ovvero svuotare gli ospedali dalla pressione del covid per garantire lo svolgimento delle altre attività: Concetto anticipato dall'assessore regionale alla sanità, Raffaele Donini, alla vigilia dello slittamento dell'Emilia Romagna in zona arancione. Classificazione sulla quale - aveva sottolineato - era pesata appunto la pressione sui nostri ospedali. 

"In Emilia-Romagna- ha voluto ricordare anche Bonaccini - stiamo curando tutti, non solo i casi Covid, e questo nessun parametro o algoritmo lo può cancellare. Ma la tenuta della nostra sanità richiede da parte di tutti noi un ulteriore sforzo: dobbiamo rispettare le regole e limitare il più possibile i contatti a quelli strettamente necessari."

Mondo sport, cultura e ristorazione. La promessa: "Al lavoro per integrare i ristori nazionali"

Altro nodo quello di come supportare le categorie di lavoratori che in questa pandemia si sono ritrovati a dover sospendere le proprie attività o a lavorare meno. Una sorta di risposta che Bonaccini dà ai lavoratori  in queste settimane di sfoghi e proteste, che hanno visto anche qualche momento di tensione nel capoluogo emiliano. Difficoltà che toccano numerose categorie: dal mondo della cultura, a quello dello sport, dalla ristorazione fino al commercio. E non solo.

"C’è un ringraziamento che in questo momento voglio fare - ha scritto via social network Bonaccini - ai commercianti, agli esercenti, ai baristi, ai ristoratori, ai gestori di palestre, piscine e società sportive, agli artisti ed agli operatori culturali e dello spettacolo e a tutti coloro che hanno un’attività che hanno dovuto sospendere o limitare. Il vostro sconforto e la vostra preoccupazione sono più che comprensibili, ma in una situazione davvero difficile state dimostrando una maturità e una coscienza civica non scontate". Poi la promessa. 

"In Giunta si sta lavorando a misure di sostegno, attraverso fondi regionali, che possano integrare i ristori nazionali. Così come in sede di Conferenza delle Regioni il tema degli aiuti e, soprattutto, della loro velocità di erogazione, è stato posto come priorità assoluta", assicura il presidente.

L'appello degli invisibili dello spettacolo: "Non lasciate morire la cultura" | VIDEO 

Patto lavoro e clima e proposta per integrare il Recovery Plan

Le promesse di supporto all'economia locale comprendono anche altro. Bonaccini infatti assicura: "A breve saranno pronti, per parte nostra, il nuovo Patto regionale per il Lavoro e per il Clima, che vogliamo firmare e condividere con tutte le parti sociali e che segnerà le priorità dell’Emilia-Romagna per i prossimi anni, a partire da una nuova crescita sostenibile che recuperi posti di lavoro e competitività per le imprese". Non solo. Bonaccini rilancia. 

"Abbiamo già pronta la proposta di investimenti da consegnare al Governo come parte integrante del Recovery Plan, per i futuri investimenti strategici da cui far ripartire la nostra economia: conoscenza e saperi, ambiente, lavoro, welfare. Infine, stiamo accingendoci al confronto con parti sociali e forze politiche sulla prossima programmazione dei fondi europei assegnati alla nostra regione per gli anni 2021/2027". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Divieto spostamenti Natale, Bonaccini: "Rischia di isolare chi vive in un piccolo comune"

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Covid, a Natale tutte le regioni in zona gialla? Bonaccini: "Aprire anche bar e ristoranti"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

  • Ozzano, incendio in un appartamento: morta una donna

Torna su
BolognaToday è in caricamento