rotate-mobile
Politica

Bonaccini sulla legge di bilancio: "Sbagliata e iniqua, giusto scendere in piazza"

Il presidente della Regione Emilia-Romagna e candidato alla segreteria nazionale del Pd che interviene con un post su Facebook

Quella presentata oggi dal Governo "è una legge di bilancio insufficiente, sbagliata e iniqua": tripla bocciatura da parte di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e candidato alla segreteria nazionale del Pd, che interviene con un post su Facebook.

La manovra è "insufficiente- scrive il governatore- perché stanzia poche risorse per affrontare il caro bollette per famiglie e imprese. Si prospetta un 2023 molto difficile per gli italiani e queste risorse non basteranno che per pochi mesi. E poi, si salvi chi può?".

La legge di bilancio è "sbagliata", poi, "perché disperde le poche risorse disponibili in mille rivoli- sostiene Bonaccini- senza una scelta netta e secca a favore dei redditi medio-bassi e bassi e delle imprese più esposte. La sola inflazione si mangerà la differenza e, a conti fatti, è un taglio orizzontale per sanità, istruzione ed assistenza".

Per questo è anche "una manovra iniqua", affonda Bonaccini: "Tagliare il reddito di cittadinanza per fare cassa è davvero inaccettabile. Piuttosto lo si riformi, se si hanno idee e proposte, mentre così andremo a sbattere". Le promesse elettorali, conclude l'aspirante segretario dem, "sono già svanite (a proposito, nessuna riforma fiscale ma un nuovo condono sì). Bene che il Pd presenti subito una contromanovra e che si scenda in piazza tra le persone il 17 dicembre". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonaccini sulla legge di bilancio: "Sbagliata e iniqua, giusto scendere in piazza"

BolognaToday è in caricamento