menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carlo Galli e Virginio Merola

Carlo Galli e Virginio Merola

Carlo Galli lascia il PD, De Maria: 'Rammarico e rispetto, ma non condivido'

Poltico e accademico, Carlo Galli, Presidente della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, docente all'Alma Mater e deputato ha lasciato il gruppo alla Camera. Per De Maria: 'La casa della Sinistra è il Partito Democratico'

Poltico e accademico, Carlo Galli, 65 anni, Presidente della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, docente all'Alma Mater e deputato ha lasciato il Partito Democratico, insieme ai colleghi D'Atorre e Folino. 

"Mancanza di dialettica interna", si legge nel documento dell'addio sottoscritto dai tre parlamentari e Galli ha chiarito che la stessa legge di stabilità è stata la "goccia che ha fatto traboccare il vaso" poiche il Pd sarebbe "scivolato al centro".

Così inseme a Civati, Fassina, Mineo  e appunto gli uòltimi D'Atorre e Folino, se ne vorrebbero tornare "a sinistra". Per il premier e segretario PD Matteo Renzi parecchi ne entrano: "E' facile fare un elenco di nomi dei parlamentari acquisiti", ha commentato, come i 7 di Scelta Civica di febbraio scorso. 

"Rammarico e rispetto per la scelta di Galli, D’Attore e Folino. Ribadisco che la casa della Sinistra è il Partito Democratico", ha commentato in una nota il deputato bolognese Andrea De Maria "riconosco la buona fede ma che non condivido affatto. Auspico davvero che un giorno le nostre strade si possano rincontrare nel PD ed in un centrosinistra unito e di governo. Chi è oggi in maggioranza e guida il PD ha il compito di fare sentire di più tutti a casa in una comunità basata sulla fiducia reciproca - continua De Maria - chi nel PD vuole rappresentare la Storia ed i valori della Sinistra ha la responsabilità di mettere al centro sempre le ragioni dell’ unità e del riconoscimento reciproco nel Partito Democratico. Se la casa della Sinistra è il PD, senza Sinistra vengono meno le ragioni e la forza del progetto del Partito Democratico. Per questo, a partire dalla comune azione di governo e dai successi ottenuti da tale azione, a partire dagli importanti segnali di ripresa economica, serve un salto unitario nel PD. Prendiamoci cura di più e insieme del Partito Democratico. La nostra casa comune. Il primo partito del PSE. La forza politica che per prima ha il compito di guidare il Paese in una fase cruciale della sua storia”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento