rotate-mobile
Politica

Casalecchio: raccolta di firme contro la raccolta "porta a porta"

Raccolta firme per una petizione che chiede di rivedere la modalità della raccolta porta a porta a Casalecchio: da sabato in Piazza Toti per aderire

Il Gruppo Consiliare Popolo della Libertà, unitamente a Lista Civica e Gruppo Consiliare e Coordinatore Cittadino Lega Nord Padania al Comune di Casalecchio di Reno  comunica che da mercoledì 20 febbraio, presso area mercato di Piazza Toti, inizierà,  sul territorio comunale, una raccolta di firme per una petizione popolare contro le modalità di raccolta differenziata secondo il modello Porta a Porta così come organizzato dal Comune di Casalecchio di Reno in accordo con la società di raccolta e smaltimento rifiuti. "Rileviamo che, per quanto sia un dovere civico riconosciuto porre in essere la differenziazione del rifiuto, questo sistema sia fortemente vessatorio per il cittadino e ancor di piu per le parti deboli della popolazione".

LA DIFFICOLTA' PER ANZIANI E DISABILI. "Tutti i cittadini - scrivono in una nota stampa i promotori della raccolta firme - si troveranno a dover gestire, all’interno delle proprie abitazioni, quattro (carta, plastica, organico, indifferenziata) o cinque (pannolini/pannoloni) contenitori per rifiuti dovendo per altro fare i conti con gli odori emessi da questi. Anziani e disabili si troveranno ancor maggiormente in difficoltà dovendo gestire sacchi per la raccolta che nel corso della settimana raggiungono pesi e dimensioni importanti. Coloro che utilizzano pannoloni per adulti, saranno costretti, non solo a conservarli in casa per un’intera settimana, ma anche a conferirli in sacchetti viola, qualificanti del contenuto. Nessuno ha considerato l’impatto psicologico che questo può provocare in persone portatrici di una patologia. E ci stupiamo che a tal proposito nessuna associazione abbia alzato la voce a tutela di queste fasce deboli".

LA PROPOSTA OASI ECOLOGICHE AL POSTO DELL'ACCUMULO IN CASA. "La nostra proposta congiunta prevede il mantenimento di oasi ecologiche sul territorio con cassonetti per la raccolta diversificati per tipologia in modo che il cittadino possa conferire i rifiuti evitandone l’accumulo, pur partecipando al sistema del conferimento differenziato. Chiediamo che i pannoloni possano essere conferiti nel sacco dell’indifferenziata in modo da non generare riconoscibilità di patologie esistenti. Crediamo che sia fondamentale per i cittadini che amministriamo poter esprimere la propria opinione in merito ad una modalità di raccolta rifiuti che l’Amministrazione impone con il pugno di ferro rifiutando di ascoltare le critiche mosse dalla città".

La comunicazione è firmata da Federico Caselli (Coordinatore cittadino Lega Nord), Muro Muratori  e Gabriele Dalboni
(Gruppo consigliare  Lega Nord  Casalecchio di Reno).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casalecchio: raccolta di firme contro la raccolta "porta a porta"

BolognaToday è in caricamento