Sabato, 20 Luglio 2024
Politica

Civis in saldo: ora non lo vuole neanche Trento. Polemiche sulle consulenze

Offerto a prezzo scontato da Bologna, il mezzo a guida ottica non lo vogliono neppure a Trento. Polemiche sulle consulenze, Colombo: "Violazione di Bugani". Lega: "Me ne infischio!"

Il titolo del quotidiano "Trentino": “I filobus restano in garage a Bologna”, e così anche il comune di Trento boccia il Civis perchè una soluzione “dalla sperimentazione dispendiosa e dagli esiti incerti”. La scorsa estate infatti la Provincia di Trento si era dimostrata possibilista all’eventualità di “ereditare” da Bologna (con un grosso sconto) il mezzo a guida ottica che tanti problemi ha procurato alla nostra città, ma in questi giorni arriva lo stop definitivo del sindaco Andreatta e il Civis torna in garage sotto le due torri.

La notizia arriva dopo la pubblicazione, da parte del Movimento 5 Stelle, dei dettagli delle consulenze milionarie affrontate, documento che è arrivato anche in consiglio comunale: è il leghista Manes Bernardini a chiedere alla Giunta: “Quali consulenze, precisamente, siano state richieste e ottenute dai privati, che sono stati finanziati dal Comune e su cosa vertessero, in modo analitico e specifico, tali consulenze e il resoconto delle medesime. Inoltre si chiede se  ve ne sia stata qualcuna che abbia manifestato  dei  dubbi  sulla sicurezza del mezzo e, in caso positivo, chi sia stato. Infine chiedo – prosegue Bernardini - se sia stata individuata una particolare responsabilità  per l'insicurezza della messa in strada del mezzo e se tale caratteristica  sia stata oggetto di una assicurazione che possa garantire, al Comune, una parziale copertura delle spese sostenute".

LA RISPOSTA DI COLOMBO. E’ stato l’assessore Colombo a rispondere all’interrogazione: “Tutte le consulenze sul Civis non sono state commissionate dall'amministrazione  comunale,  ma  direttamente  da  ATC  in  qualità  di stazione  appaltante e soggetto attuatore del progetto stesso. Quindi non sono state impiegate risorse del bilancio dell'amministrazione comunale. Per quanto riguarda eventuali anomalie  evidenziate dalle consulenze rispetto  alle  caratteristiche  del  mezzo, non sono state depositate agli atti del soggetto attuatore consulenze tecniche inerenti la sicurezza del mezzo e del sistema tecnologico di trasporto Civis. Alcune problematiche tecniche erano state invece autonomamente rilevate da ATC.

VIOLAZIONE DI BUGANI? “Vorrei ricordare – precisa Andrea Colombo - che le consulenze sono state oggetto di una interrogazione rivolta all'assessore alla Mobilità da parte di altro gruppo consiliare e voglio soprattutto ricordare questo in termini generali, che i consiglieri comunali che richiedano documentazione amministrativa, ne hanno certamente diritto, ma sono tenuti per legge al rispetto, ove previsto, del segreto, questo anche riguardo alla pubblicazione di alcune indiscrezioni in  merito alle consulenze. Andrà verificato se rientrino o meno nella fattispecie  del  segreto  queste  consulenze,  io  non  sono  qui  né  per affermarlo,  né  per  escluderlo,  quindi  sicuramente  la  lista di questi incarichi   sarà  messa  a  disposizione  del  consigliere  Bernardini  con l'avvertenza   che  la  possibilità  di  eventuale  pubblicazione  di  tali informazioni  deve essere verificata dal punto di vista legale, delle norme dell'ordinamento sia comunale che nazionale”.

DATI IN PIAZZA MAGGIORE. E Marco Piazza, dall’aula riporta il commento di Bernardini dopo la frase di Colombo che  lascia intendere la violazione di Bugani: “Io me ne infischio del segreto di stato su cose pagate con i soldi pubblici! Chiederò anche io i dati e li porterò in piazza Maggiore così che tutti i cittadini possano vedere come sono spesi i loro soldi! E se qualcuno mi querela per questo ne sarò fiero".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Civis in saldo: ora non lo vuole neanche Trento. Polemiche sulle consulenze
BolognaToday è in caricamento