Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Incarichi Comune, riorganizzazione. Palazzo d'Accursio: “Dove hanno preso quei nomi?”

I nomi e i cognomi dei dipendenti comunali in lizza per i nuovi incarichi pubblicati dai giornali non sarebbero veritieri. L'invito a candidarsi scade domani. Merola: "Notizie senza fondamento"

Dopo l’approvazione da parte della giunta delle “Linee guida per la riorganizzazione della macrostruttura del Comune di Bologna”, coerente con l’attuazione del programma di mandato il sindaco esprime la propria soddisfazione e la certezza è che tale riorganizzazione arrivi a migliorare  l’erogazione  dei servizi al cittadino e la qualità del lavoro del personale comunale. Ma “Tutte  le  notizie  apparse  sulla  stampa,  in  relazione a nomi e cognomi specifici, sono destituite di fondamento” – ha specificato il sindaco questa mattina -e a breve apriremo la Conferenza per la riorganizzazione dei servizi' che coinvolgerà tutto il personale del Comune".

NUOVI INCARICHI PER I DIPENDENTI COMUNALI. Questa  mattina  il  Direttore Generale del Comune, Giacomo Capuzzimati, ha trasmesso  l’avviso   interno per l’Assegnazione dei nuovi incarichi dirigenziali previsti dalla riorganizzazione della macro-struttura del Comune,  rivolto  a tutti  i dirigenti assunti a tempo indeterminato del Comune di Bologna, che volessero ricoprire una delle posizioni previste dalla  riorganizzazione della macrostruttura, con le relative motivazioni. L’avviso scadrà domani sera alle 21.

I TEMPI. Era già stato stabilito venerdì scorso in commissione Affari istituzionali che saranno convocati entro novembre i dipendenti del Comune per dire la loro su come riorganizzare i servizi. Entro fine ottobre, il primo cittadino insieme al direttore generale, Giacomo Capuzzimati, definirà la struttura organizzativa di vertice del Comune, stabilendo anche gli incarichi dirigenziali (gli attuali scadono tutti a fine mese) che avranno durata fino al 31 dicembre 2012. La scadenza ravvicinata e' proprio dovuta all'avvio, "entro novembre - precisa Merola - delle conferenze di organizzazione dei servizi, ufficio per ufficio, con il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei dipendenti comunali". Il sindaco si aspetta cioe' "proposte di miglioramento" della macchina comunale, da definire "entro la prima meta' del 2012".

GIOVANI LAUREATI “DIMENTICATI”. L'augurio del sindaco e' di “Trovare almeno 60-70 giovani laureati dimenticati in qualche ufficio". Nel frattempo, con Capuzzimati il primo cittadino ha definito la macrostruttura di Palazzo D'Accursio. Rimane la suddivisione interna in dipartimenti e aree, anche se in diversi casi vengono rimescolate le deleghe. Nuovo e' in effetti il dipartimento dedicato solo al personale del Comune, che aggrega in se' anche il settore organizzazione di Palazzo D'Accursio.

AREE CONFERMATE. Confermata l'area Risorse finanziarie, il dipartimento Programmazione e l'area Attivita' istituzionali e Quartieri. Rappresenta una novita' il dipartimento dedicato alla Riqualificazione urbana, che riunisce l'urbanistica, l'ambiente e tutti i temi legati all'energia. Nuovo inoltre poi il dipartimento Cura e qualita' del territorio, che si occupera' non solo di lavori pubblici e manutenzione, ma anche di mobilita' e del patrimonio. Un'altra new entry e' il dipartimento Economia e promozione della citta', che incorpora i settori legati alle attivita' produttive, al commercio e al turismo, ma anche la comunicazione, l'informatica e il marketing territoriale. Cambia nome, e diventa Benessere della comunita', l'area che si occupera' di sanita', politiche sociali e casa. Da qui, viene scorporato il settore Istruzione e unito all'area Cultura (che si occupa anche di biblioteche e musei).

LE RICHIESTE DEI PARTITI. Pdl, con il capogruppo Marco Lisei e con Daniele Carella, ha chiesto che sia garantita la "trasparenza nelle procedure di riorganizzazione" della macchina comunale e che sia prevista un'attivita' di "monitoraggio della qualità dei servizi resi ai cittadini". Il capogruppo dell'M5s, Massimo Bugani, chiede invece di "valorizzare i giovani" tra i dipendenti comunali, essendo solo 41 gli under 30.

NUCLEI DI POLIZIA NEI QUARTIERI. Un nucleo di Polizia municipale ad hoc per il centro storico di Bologna. E' il progetto a cui sta lavorando il sindaco di Bologna, Virginio Merola, cosi' come l'ha anticipato lo stesso primo cittadino in commissione Affari istituzionali venerdì scorso. "Una delle prime cose da fare sui Quartieri - ha spiegato il sindaco - sara' organizzare una forza di Polizia municipale specifica per il centro storico". Sulla materia dei Quartieri "decidera' il Consiglio comunale ma e' opportuno che su questa ipotesi vengano coinvolti i presidenti di Quartiere", che il sindaco incontrera' la prossima settimana appunto per iniziare a discutere di anticipare la riorganizzazione dei Quartieri.

I MACRO-QUARTIERI. Nel progetto anche l'accorpamento delle circoscrizioni, passando dalle attuali nove a cinque o sei macro-quartieri per "avviare in concreto in questo mandato il lavoro organizzativo di accorpamento dei Quartieri necessario perche' il Consiglio comunale possa deliberare in termini adeguati sulla riforma dei Quartieri, non solo definendo i perimetri, ma soprattutto poter contare sul lavoro di un mandato perche' nel prossimo ci si possa basare su una struttura organizzativa rodata e pronta all'azione".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incarichi Comune, riorganizzazione. Palazzo d'Accursio: “Dove hanno preso quei nomi?”
BolognaToday è in caricamento