menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Napolitano. Scontri polizia/manifestanti. Cancellieri: 'Questa non è Bologna'

Contestazioni sfociate in qualche tafferuglio. Ci sarebbe pure qualche colluso. Uova, spray urticante e liquido corrosivo contro le forze dell'ordine. Biasimo dalla politica. Gelmini: "Protesta non deve sfociare in violenza"

'Indignati', studenti, attivisti, questa mattina in corteo (VIDEO),  per protestare contro il Presidente Napolitano, che nell'aula Magna Santa Lucia ha ricevuto la laurea 'ad honorem' in scienze internazionali.
Uova, ma anche pomodori, spray urticante e liquido corrosivo. Così erano muniti i manifestanti, come ha spiegato la questura di Bologna. Qualche tafferuglio è scoppiato con le forze dell'ordine in via de'Poeti (VIDEO), dove si è pure registrato qualche ferito lieve, tra cui il questore vicario.

Il capo dello Stato, destinatario degli 'sfoghi' della folla, ha così replicato ai dissidenti: "Le manifestazioni di protesta se sono motivate e si esprimono correttamente possono essere prese in attenta considerazione, altrimenti no".

CONDANNA DAL MINISTRO CANCIELLIERI. "Mi spiace molto per quello che é accaduto. E' sicuramente una minoranza che non rappresenta l'anima di Bologna". Così il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri ha commentato i disordini di oggi, a margine della cerimonia per il conferimento della laurea honoris causa. "L''anima di Bologna - ha sottolineato l'ex commissario cittadino - era lì questa mattina ad applaudire il presidente e a dimostrargli il proprio affetto".

BIASIMO DALLA GELMINI. "La protesta non deve mai sfociare in violenza e in manifestazioni non pacifiche e non rispettose del prossimo, con scontri di piazza, manganellate e lanci di uova e spazzatura. Quando questo accade, la democrazia soffre e subisce un vulnus": così è intervenuta sulle mobilitazioni di oggi in città l'ex ministro Maria Stella Gelmini. "E' grave a maggior ragione che ciò coinvolga le Università, per eccellenza luogo di confronto e sedi del sapere. Quanto poi alle ragioni della protesta degli indignati a Bologna, contro la laurea honoris causa a Napolitano, francamente non ne ravvisiamo il senso. Come se conferire una laurea in scienze politiche al Presidente della repubblica fosse motivo valido di contestazione. Che senso ha? L'Università ha pieno diritto di conferire lauree honoris causa a personalità di rilievo nazionale, fra cui rientra pienamente anche il Presidente della Repubblica", conclude.

PD BOLOGNA. Attacco ai cittadini in protesta anche dalle fila del Pd cittadino.  'Le contestazioni e le critiche sono più che legittime, ma le violenze non sono tollerabili". Questo il monito di Raffaele Donini, segretario del Partito democratico di Bologna .
"Il diritto al dissenso c'é, ma é altrettanto importante non cercare di imporlo con atti che si rivelano dei soprusi rispetto a una cerimonia istituzionale che deve essere rispettata da tutti". Anche il sindaco di Bologna Virginio Merola 'bacchetta' dopo gli avvenimenti odierni.
 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento