Coronavirus, la Lega: "Emergenza sottovalutata, ora via tasse e abolizione norma appalti"

Proposte che riguardano "la vita vera, c'è stata sottovalutazione in campo sanitario, non si ripeta in campo economico" ha detto Salvini

Matteo Salvini e i responsabili economici della Lega, oggi 25 febbraio, al Senato hanno presentato le proposte economiche "per sostenere e tutelare famiglie e imprese colpite da questa grave crisi sanitaria".

"E' assurdo che in questo momento di allarme, la Camera discute di intercettazioni", ha detto il capogruppo Riccardo Molinari. 

"Le proposte riguardano la vita vera - ha detto Salvini -  e oggi stesso saranno consegnate al Presidente del Consiglio. Non si scarichino le responsabilità del governo centrale sul territorio, sarebbe di pessimo gusto, lo dico a nome di medici, sindaci e governatori, si tratta di tagliare i vincoli burocratici al di là colori politici". 

"Stiamo ragionando sulla scuola - continua il leader della Lega - le famiglie sono in difficoltà a causa della sospensione delle lezioni, si renderà necessario un prolungamento dell'anno scolastico per rientrare dei costi" spesi per pagare le baby sitter. 

Secondo Salvini "c'è stata sottovalutazione in campo sanitario, non si ripeta in campo economico, è un tema che interessa tutti i cittadini italiani, si diano pieni poteri ai sindaci per velocizzare appalti e cantieri e la richiesta all'UE di assegnare il 50% degli appalti alle piccole e medie imprese italiane". 

Le proposte della Lega 

Si parte dalla richiesta di esenzione dal versamento delle imposte, dalla sospensione della rata della cosiddetta "rottamazione ter" (definizione agevolata prevede la possibilità estinguere i debiti iscritti a ruolo contenuti nelle cartelle di pagamento, versando le somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora), mentre, ha fatto notare Salvini "l'agenzia riscossione con un messaggino in questi giorni ricorda la scadenza della rata, non è di buon gusto". 

La sospensione per la Lega deve equivalere all'esonero ovvero, una volta passata l'emergenza, si dovrebbe prevedere un periodo free tax da 3 a 6 mesi per le aree più colpite, con transazioni esenti da Iva. Il Carroccio rilancia anche la cedolare secca sugli immobili commerciali (regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile), come il rinvio della lotteria degli scontrini per evitare comprare un altro pos "esemplificazioni bocciate in mille proroghe", fanno rimarcare. 

Per quanto riguarda il lavoro, la Lega chiede più fondi per la cassa integrazione e la mobilità in deroga, oltre allo stop del pagamento dei contributi previdenziali e al conguaglio 730 erogato a luglio e non a settembre.

Sul turismo, tra i settori più colpiti, la richiesta è la reimmissione della tassa soggiorno per sostenere le imprese colpite. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Effetto Coronavirus, guide turistiche a riposo forzato: "Gite scolastiche e visite annullate" 

Alle banche e all'Europa, il Carroccio popone la sospensione dei pagamenti per problemi liquidità, l'abolizione della norma sugli appalti.

Coronavirus, il ricercatore: "Giuste le misure prese, per sconfiggerlo si lavora su più fronti" 

Coronavirus: come si trasmette, quali sono i sintomi e come cercare di proteggersi 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 2 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 29 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 30 marzo: contagi +412, 95 morti

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 31 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 29 marzo: contagi +736, altri 99 morti

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 2 aprile: +546 contagi, si contano ancora 79 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento