Mafia, bufera sulla pagina FB 'Sei di Crevalcore se...': il sindaco Broglia querela l'amministratore

"Secondo me è anche a Creva" è il commento a un articolo sulla ricostruzione e le infiltrazioni mafiose, da parte dell'amministratore del gruppo Facebook. Il sindaco si idigna: "Querela per diffamazione personale"

Bufera sulla pagina Facebook "sei di Crevalcore se...". Il senatore PD e sindaco di Crevalcore, Claudio Broglia, dapprima ha comunicato la sua "uscita" dal gruppo il 19 febbraio "a seguito di una affermazione gravissima che questo amministratore ha fatto a commento di un post di un consigliere comunale. Sto consultandomi con il mio avvocato ed entro questa sera sporgerò querela per diffamazione personale nonché come sindaco che rappresenta una intera comunità.
Non sono disponibile per nessuna ragione ad accettare che si possa accostare la mia persona alla parola mafia. Mi dispiace per chi usava questo gruppo con ben altri scopi ma non si scherza su questa roba punto e basta", ha scritto sul suo profilo. L'azione è dunque andata avanti e Broglia ha passato l'informazione ai carabinieri, ritenendosi come sindaco "diffamato da quanto scritto. Sulla mafia non si scherza. Chi dice una frase simile ne risponderà nelle sedi dovute”.

La "bagarre" nasce da un articolo del "Il Fatto Quotidiano" dal titolo “Ndrangheta, il prefetto valuta commissione per scioglimento di Finale Emilia”, postato dal consigliere del M5s, Emanuele Mancini, che aveva poi commentato. A rincarare la dose il commento comparso poco dopo, a firma di Marco Paz Mazzucco, amministratore del gruppo: “Secondo me è anche a Creva”. Il riarmamento alle infiltrazioni e il sospetto del coinvolgimento nella ricostruzione post-terremoto dei comuni più colpiti, dopo  la maxi operazione 'Aemilia' che ha portato all'arresto di 117 persone.

"Ho scritto su un profilo privato e non su questo gruppo pubblico, perciò 'sei di Crevalcore se....' non c'entra niente.- precisa Mazzucco a Bologna Today "non ho assolutamente detto nè che nel Municipio di Crevalcore c'è la mafia, nè tantomeno che il signor Broglia sia un mafioso. Ad un post che recitava 'Oddio!! No impossibile, la mafia non è solo al sud?' ho replicato 'Secondo me è anche a Creva', affermazione abbastanza generica, da questa ad arrivare a una querela per diffamazione personale nonché come sindaco che rappresenta una intera comunità il passo è molto ma molto lungo. Mi pare che pure Saviano abbia detto che la mafia oramai è infiltrata in qualsiasi paese del nord Italia. Non vorrei sbagliare, ma mi pare qualche 'ndranghetista sia stato pure pizzicato anche a Crevalcore. Se avete tempo, fate una ricerca con google, cercate "sagi e nocera spa crevalcore", ad esempio. Qualcuno con questo post deve aver preso un abbaglio, non credo di essere io".

Il 18 gennaio Mazzucco in occasione del suo insediamento' nel ruolo di amministratore avea scritto:"Come avrete visto, per varie motivazioni, i precedenti amministratori (tra cui alcuni fondatori) hanno lasciato questo compito e sono subentrati nuovi amministratori (tra cui io). In qualità di amministratore, e certo di riportare il pensiero dei miei amici e "colleghi" amministratori, prego i membri e frequentatori di questo gruppo di continuare a seguire le regole preesistenti, le usanze e le consuetudini del vivere civile nel rapportarsi con gli altri e soprattutto di non postare assolutamente niente di politico, onde evitare problemi e discussioni. Ovviamente, in simili casi, noi amministratori procederemo con gli atti dovuti, ovvero cancelleremo i post fuori legge".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento