Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Domiciliari Ligresti, l'ex commissario Cancellieri riferisce in Senato: "Accuse infondate"

Audizione al Senato per il Guardasigilli per chiarire i suoi contatti con i familiari di Giulia Ligresti: "La mia carriera non è stata influenzata da rapporti personali, non esiterò a fare un passo indietro"

"Accuse assolutamente infondate che respingo con fermezza": così il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri aveva risposto alle domande su un suo presunto intervento a favore della scarcerazione di Giulia Ligresti, affetta da anoressia.

Alle 16 l'audizione in Senato, durata 18 minuti, poi il passaggio alla Camera, per chiarire la sua posizione e rispondere alle richieste di dimissioni arrivate da più parti: "E' vero non tutti i detenuti hanno possibilità di avere diretto contatto" con il ministro della giustizia e "nessuno più di me avverte questa disparità di condizioni... E' difficile essere vicino a tutti come si vorrebbe", e ha sottolineato che in ogni caso le segnalazioni possono arrivare in "qualunque modo", sia dal carcere sia dall'esterno, dal Dap o da familiari, associazioni e singoli parlamentari. "Spesso di queste segnalazioni - ha aggiunto - mi faccio carico personalmente in un colloquio quotidiano con l'amministrazione penitenziaria".

"Sono stata e sono amica di Antonino Ligresti (fratello del patron Salvatore - ndr), ma "in nessun modo la mia carriera è stata influenzata da rapporti personali" con questi o con altri. L'ex commissario a Bologna ha poi spiegato che il medico del carcere di Vercelli il 12 agosto aveva segnalato la gravità del caso di Giulia Ligresti e il 14 lo segnalò alla procura. "Le mie segnalazioni, invece, sono del 19, cinque giorni dopo... Ogni vita che si spegne in detenzione è una sconfitta per lo Stato e per il sistema carcerario. Io ne sento il peso e per questo ho dedicato parte rilevante mio impegno al problema carcere". Il ministro si è detta pronta a fare un passo indietro senza piena fiducia.

DAP. Il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria smentisce in modo categorico che ci siano stati favoritismi nel soggiorno in carcere e tantomeno nel trasferimento della signora Jonella Ligresti, che è stato disposto seguendo le normali procedure e dietro autorizzazione dell'Autorità Giudiziaria diversamente da quanto sostenuto dall'articolo di Repubblica". Lo afferma il Dap in una nota.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domiciliari Ligresti, l'ex commissario Cancellieri riferisce in Senato: "Accuse infondate"

BolognaToday è in caricamento