Martedì, 18 Maggio 2021
Elezioni comunali 2011

Elezioni, Facci (Lega): "Centrodestra unito più che mai, siamo al lavoro da mesi e pensiamo in grande per Bologna"

INTERVISTA Michele Facci (Lega) lancia la campagna elettorale del centrodestra: "Al centro noi mettiamo il programma. Vogliamo una città del futuro, basta opere già vecchie quando nascono. Si deve pensare in grande".

Mentre la corsa a palazzo D'Accursio del centro sinistra si vivacizza tra l'ufficialità della discesa in campo della sindaca di San Lazzaro, che si candida alle primarie Pd, la controffensiva attesa per oggi dall'assessore Matteo Lepore, appoggiato da buona parte dei 'big' del partito democratico per il dopo Merola, tuttavia non senza fratture interne ai dem, il centrodestra inizia a organizzarsi. "Siamo al lavoro da mesi per dare un'alternativa credibile alla città per le prossime elezioni amministrative. Stiamo ragionando sui programmi e i nomi che sono usciti in queste settimane sono notevoli, direi uno scenario praticamente senza precedenti agli occhi di chi la politica locale la conosce abbastanza bene": Michele Facci, consigliere regionale della Lega, rieletto nel 2020, parla dopo la presentazione degli 'Stati Generali" della sua area politica, un percorso aperto volto alla definizione del programma e alla scelta del candidato giusto che verrà strutturato in 8 tavoli tematici online ai quali potranno partecipare tutti. Oltre alla Lega, Fratelli di Italia e Forza Italia agli Stati Generali partecipano Cambiamo, BFC, 'E' e Bologna Civica.

Il centrodestra lancia gli Stati Generali: "Prima i temi poi i nomi" 

Quale idea di città avete? Su quali punti fondamentali si fonderà il vostro programma? "La nostra proposta tiene conto di un territorio che va ben oltre le mura, ma che piuttosto coincide con la Città Metropolitana: da questa visione deriva anche il nostro punto di vista sulle grandi opere come il passante di mezzo e il tram. E' mancata fino a questo punto un'idea di città del futuro e una programmaticità vera: il People Mover è stato inaugurato a novembre ed è già vecchio nel suo tragitto limitato che va dalla stazione all'aeroporto e viceversa. Il tram rischia di fare la fine del Civis, che ci costato una fortuna ma che di fatto è un autobus. E allora perchè non virare su dei bus moderni ed ecologici piuttosto che scegliere un'opera che potrebbe rovinare tanti commercianti toccati dal tragitto del mezzo? Dubbi anche sul passante di mezzo, meglio invece il passante sud o la proposta di alcuni tecnici di interrare l'autostrada". 

A che punto siete con la campagna elettorale? In che fase siete? Quando si saprà chi sarà il vostro candidato o la vostra candidata? "Come già sottolineato, la nostra è una scelta di programma e ci sarà un confronto per decidere chi sarà il candidato o la candidata per Bologna. Oggi siamo a metà del percorso e con la partenza dei nostri Stati Generali vedremo un centrodestra unito che si dedicherà all'ascolto della città. Metteremo in atto un'innovazione nel rapporto con i cittadini. La scelta del nostro candidato o della nostra candidata arriverà prima dell'estate". 

La pandemia, fra le altre cose, ha impedito che venissero fatti banchetti e gli incontri sono stati fatti per lo più online. Cosa determina ciò? Appena possibile porterete la vostra proposta sulle strade e nelle piazze? "Avremmo già dovuto e potuto farlo. La legge dice che siamo in pre-campagna elettorale (180 giorni alla presentazione della lista) ma a Bologna i banchetti politici sono vietati dal 12 novembre scorso per volontà del sindaco. Noi lo consideriamo illegittimo e per questo abbiamo portato avanti un'interrogazione parlamentare". 

E' un periodo molto particolare, anche per la politica. Secondo lei potrebbe essere per Bologna, il momento di un grande cambiamento? Potrebbe il centrodestra avere la meglio sul centrosinistra insomma? "Sì, penso che possa essere il momento buono per una svolta. Più adesso che nel passato, più adesso che mai. Non bisogna pensare più a breve termine, non più da adesso a cinque anni, ma andare oltre e pensare in grande per una città che ha tutte le carte in regola. Pensiamo al trend eccezionale che ha avuto la nostra città in ambito turistico. Bisogna però anche fare bene i conti con le risorse perchè intanto non sappiamo quando usciremo dalla pandemia e poi non sappiamo come ne usciremo. Anzi, quello lo sappiamo già ed è per questo che stiamo al fianco di alcune categorie particolarmente colpite dalla crisi". 

Elezioni Bologna 2021, via al sondaggio BiDiMedia: ecco come partecipare 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Facci (Lega): "Centrodestra unito più che mai, siamo al lavoro da mesi e pensiamo in grande per Bologna"

BolognaToday è in caricamento