Sabato, 13 Luglio 2024
Elezioni comunali 2011 Navile / Via Aristotile Fioravanti 24

Aldrovandi cacciato dal mercatino di via Fioravanti

"Fascista" lo hanno appellato, poi è stato scortato all'uscita: questo il trattamento ricevuto al mercatino bio dal candidato sindaco ed il suo team, lì in visita per parlare con i cittadini che frequentano il posto

Il team del candidato sindaco Stefano Aldrovandi con un comunicato rierisce di essere stato allontanato dal "mercatino bio di via Fioravanti 24". Ieri pomeriggio il candidato avrebbe voluto incontrare i cittadini che frequentano, ma non gli è stato permesso da alcune persone che hanno circondato il gruppo, di cui facevano parte la fotografa Chiara Terranova, Teresa Iuvone, il candidato al Consiglio di Quartiere, Marcello Chiavegatti, e il capo ufficio stampa Paolo Bonazzi, e lo hanno invitato ad andare via, "scortandolo fino all’uscita e presidiando in fila orizzontale l’ingresso", nel timore di un ripensamento del candidato sindaco e dei suoi accompagnatori.

"FASCISTA" - Al candidato, prosegue la nota, "non è stato nemmeno permesso di terminare un colloquio con un cittadino all'interno del mercato e anche quest'ultimo che, pur avendo idee politiche divergenti dal candidato sindaco, ha preso le sue difese in nome di un confronto democratico, è stato accompagnato fuori con metodi che ricordano certe squadracce del Ventennio. Aldrovandi, reo di avere messo piede all'interno del mercatino, ha ricevuto più volte l'epiteto 'fascista'".

Eppure, commenta l'ufficio stampa del candidato, sono stati loro a comportarsi da "talebani del pensiero unico (un pensiero peraltro assai limitato e fragile): hanno impedito l'esercizio di un diritto che fa parte della democrazia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aldrovandi cacciato dal mercatino di via Fioravanti
BolognaToday è in caricamento