Rifiuti, Bonaccini replica a Borgonzoni: "Sulla discarica Razzaboni avrebbe dovuto conoscere i fatti. Bonificata"

Anche il M5S attacca la candidata della Lega sullo stesso tema: "Il nulla cosmico di Lucia Borgonzoni da quando è diventata parlamentare"

Stefano Bonaccini

"Borgonzoni torna ad attaccare sul tema rifiuti. Ancora una volta con fatti non veri, parlando della discarica Razzaboni, a San Giovanni in Persiceto, alle porte di Bologna, gia' bonificata grazie anche al lavoro di questi anni della Regione. Mentre noi risolvevamo il problema, Borgonzoni dov'era?". Cosi' il presidente dell'Emilia-Romagna, e ricandidato, Stefano Bonaccini, risponde alla sua sfidante per il centrodestra, Lucia Borgonzoni sulla discarica nel bolognese.

E lo fa snocciolando "i fatti. Si tratta di un sito privato in cui l'allora proprietario aveva sotterrato rifiuti di diversa natura, anche pericolosi. In seguito ad un'indagine del Corpo Forestale, fini' in una procedura di infrazione comunitaria attivata nel 2003. Nel 2014 la sentenza di condanna e il pagamento di una sanzione pecuniaria a carico dello Stato, vertenza poi risolta positivamente nel 2016". Per "avviare il risanamento dell'area- ricorda il governatore-, il Comune intervenne in via surrogatoria, cosi' come previsto dalla legge. I primi due interventi vennero finanziati dalla Regione per un importo di poco inferiore ai 4 milioni di euro e il completamento dei lavori fu possibile in seguito allo stanziamento da parte del ministero dell'Ambiente (ministro Galletti) di 3 milioni e 365mila euro, tramite un Accordo di programma fra lo stesso ministero, la Regione e il Comune".

Successivamente, "l'Emilia-Romagna fece ricorso alla Corte costituzionale contro il tentativo dello Stato di rivalersi con le Regioni che avevano siti da bonificare. E proprio l'Alta Corte, nella sentenza che Borgonzoni cita a sproposito, evidenzia la responsabilita' del solo Stato italiano, che non avendo mandato la documentazione trasmessa dalla Regione alla Commissione europea, aveva causato la condanna comunitaria nei confronti dello Stato stesso", sottolinea Bonaccini.

Questi, dunque, "i fatti. Qual e' quindi il disastro che avrebbe fatto la Regione?E' legittimo fare una campagna elettorale sui temi dell'ambiente, dei rifiuti e delle bonifiche, bisognerebbe pero' conoscere i fatti, per capire di cosa si parla", e' il monito di Bonaccini. "Anche solo per criticare, bisogna informarsi e non diffondere falsita'. Come avvenuto con il delicato tema del dissesto idrogeologico, su cui peraltro ha risposto oggi il sottosegretario all'Ambiente, Roberto Morassut", conclude.

M5S attacca Borgonzoni ancora sulla discarica di Persiceto. 

"Dopo cinque anni di assoluto silenzio della Lega in assemblea legislativa e il nulla cosmico da quanto e' diventata parlamentare, oggi Lucia Borgonzoni scopre lo scempio dell'ex discarica Razzaboni. Peccato che cominci ad interessarsi a questo caso soltanto quando il sito e' stato completamente, e finalmente, bonificato solo grazie all'interesse e al pressing costante del Movimento 5 Stelle sulla Regione". E' la replica della consigliera regionale, oggi capolista a Bologna M5s, Silvia Piccinini, dopo le parole della senatrice leghista sull'ex discarica Razzaboni di San Giovanni in Persiceto. "Le sue sono dichiarazioni ridicole e fuori tempo massimo: siamo stati gli unici, fin dal 2015, a presentare interrogazioni, accessi agli atti, risoluzioni, a richiedere sopralluoghi a partecipare ad assemblee pubbliche e addirittura a depositare un esposto alla Corte dei conti, per denunciare il colpevole immobilismo della Regione su questa discarica".

Piccinini ricorda in una nota gli "zero atti" prodotti dalla Lega durante l'ultima legislatura sull'argomento "cosi' come nullo e' stato il loro interesse verso gli altri temi che riguardano l'ambiente. Le verita' e' che nelle ultime settimane la Borgonzoni sta cercando in tutti i modi di fingersi attenta ai temi ambientali riuscendo pero' soltanto nell'impresa di diventare campionessa mondiale del riciclo di temi e proposte altrui, soprattutto del Movimento 5 Stelle. Gli elettori pero', soprattutto i cittadini di San Giovanni in Persiceto che per anni sono stati costretti a convivere con un problema ecologico di grande rilevanza, non si faranno ingannare da chi sta raccontando solo bugie e bufale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

Torna su
BolognaToday è in caricamento