menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Barone (a sinistra ) alla conferenza di FDi, insieme a Gioenzo Renzi , Giorgia Meloni e Galeazzi Bignami . Nel riquadro più in basso il candidato FDI Pasquale Barone

Barone (a sinistra ) alla conferenza di FDi, insieme a Gioenzo Renzi , Giorgia Meloni e Galeazzi Bignami . Nel riquadro più in basso il candidato FDI Pasquale Barone

Elezioni regionali, Barone (candidato FDI): "Puntuale, sicura e moderna. Questa l'Emilia Romagna che vogliamo"

Intervista al candidato per Fratelli di Italia, Pasquale Barone, ispettore di Polizia Municipale

Count-down per le prossime elezioni in Emilia Romagna, dove i fari sono puntati sul duello tra il dem Stefano Bonaccini - Governatore uscente della Regione e candidato al secondo mandato per la coalizione di centrosinistra - e la leghista Lucia Borgonzoni, candidata per il centrodestra. A sostegno della seconda anche Fratelli di Italia, il partito capitanato da Giorgia Meloni, che è arrivata ieri in Regione per un incontro pre-elettorale, in vista dell'appuntamento alle urne del prossimo 26 gennaio.

Tra i candidati all'assemblea legislativa dell'Emilia Romagna, per FDI, c'è Pasquale Barone, classe '71, ispettore di Polizia Municipale e già consigliere comunale a Rimini per AN. E' Barone a raccontare la vision di FDI sulla nostra Regione e le proposte in serbo per migliorare il Governo dell'Emilia Romagna.

abrone-2 Le politiche per l’occupazione ed il lavoro. Investimenti in strade, viabilità ed infrastrutture. Una maggiore sicurezza nelle città.  Queste le priorità di intervento emerse da un nostro sondaggio commissionato a Demopolis. Una proposta di FDI per migliorarre ciascuno di questi settori

Gli argomenti sono molti e andrebbero trattati in modo dettagliato e mai superfluo. Su strade e viabilità si deve costituire un comitato tecnico “meritocratico” che mappi per bene il territorio e “innanzi tutto metta in sicurezza le strade”. Le infrastrutture devono essere più dislocate nel territorio, per esempio l’aereoporto a Rimini (che è pur sempre una delle capitali europee del turismo, tra l’atro ricca di storia). Come molte cose, siamo indietro e ciò che sarebbe dovuto essere valutato 10 anni fa emerge solo ora e la “concorrenza” se ne prende tutto il merito, pensando che gli altri non abbiano fatto nulla .

Andremo a studiare ogni singolo punto ma la vera priorità rimane la sicurezza e la gestione di essa.I cittadini dell’ Emilia Romagna hanno sicuramente le caratteristiche per fare da “volano” all’Italia e bloccare l’immigrazione illegale che ovviamente aumenta i reati (per definizione, non discriminazione). 

La meritocrazia “deve” diventare il “proiettile” della nostra battaglia. Non dobbiamo sparare a salve ma essere  decisi e concreti. Il coraggio non manca, soprattutto con un Leader come l’onorevole Giorgia Meloni che ci fa ben sperare e che a mio modo di vedere (e non solo) ha veramente delle capacità incredibili. Sono della stessa generazione sua e ricordo bene la grinta che profondeva sin dai movimenti giovanili. Io ero presidente a Rimini e sono rimasto sempre fedele ai nostri ideali (anche se mi hanno penalizzato in passato). Di questo sono orgoglioso e penso che sia stato anche il motivo per cui mi hanno cercato. Giorgia non ha fondato “un albergo” ma un partito serio e compatto a cui interessa tanto la lealta e l’ascolto.

La Polizia e i Poliziotti locali vanno assistiti e motivati e non è possibile che investiamo più in extracomunitari illegali che in Polizia. Siamo veramente svantaggiati e in una situazione si limiti di sicurezza. Il rischio è alto e i cittadini questa cosa la devono prendere in seria considerazione “a prescindere dalle elezioni regionali.

Diversi anche i cittadini che chiedono una maggiore attenzione all’ambiente e alla lotta all’inquinamento e piena efficienza della sanità pubblica. Su questo fronte avete proposte?  

L’ambiente và rispettato, i giovani: educati, spronati e stimolati. Va dato lavoro e la priorità è abbassare la disoccupazione giovanile. La cura dell’ambiente è un discorso serio che non deve però andare fuori strada. La plastic tax per esempio è un’enorme cavolata, utile solo a far grossi danni economici.

Il cibo a km zero e la salvaguardia del territorio deve essere incentivato ….. è triste che un nostro cittadino compri la frutta derivante da chi sa quale paese quando qui ce la migliore.

La lotta alle mafie, lo smaltimento dei rifuiti, la produzione di energia, ecc. sono argomenti interessanti da analizzare e affrontare con concentrazione. Che le aziende vengano avvantaggiate dando lavoro ai giovani, rispettando l’ambiente e sfruttando i prodotti del territorio. I giovani devono poter liberamente metter su famiglia ed avere un’educazione civica, devono in parte svegliarsi loro, in parte essere ascoltati. Loro sono molto intelligenti e sono liberi da “rischi politici”, quindi fanno presto a mandarci a quel paese se perdiamo la loro fiducia.

La sanità in Emilia Romagna ha grosse “entrate”, fa anche grossi investimenti ma non dà servizi. Bisogna essere più ponderati con le tasse “di lusso” che i nostri cittadini pagano. Sicuramente non c’è proporzione tra tasse e servizi.

Tre aggettivi che definiscano la nostra regione oggi e tre aggettivi che definiranno l'Emilia-Romagna di domani

Oggi: ritardaria, border-line e vecchia. Domani puntuale, sicura e moderna. Qui non ci si deve accontentare del secondo posto e delle statistiche di meno calo rispetto ad altri o pochissimo aumento. L’Emilia Romagna e i suoi cittadini sono da scudetto ! Se possiamo, non facciamo retrocedere chi è qui illegalmente. A questo proposito, ritengo che sia meglio fare qualcosa per aiutarli a casa loro, ma li, bisogna ragionare anche con altre nazioni, tipo la Francia.

Se perdesse il centro-destra quale lo "scotto" che pagherà la Regione?

L’unica cosa che ho imparato da queste elezioni è che Fratelli D’Italia non perde, al massimo capisce come migliorare di più!

Se dovesse invece vincere il centro-destra  in cosa soprattutto guadagnerà  la nostra Regione?

La nostra è una regione che “guadagna sempre”, ciò che accadrà e che guadagnerà ciò che gli spetta davvero, e soprattutto, guadagnerà la sicurezza dei nostri cittadini e il rilancio dei Giovani. L’evento storico è che saremo pionieri della nostra Nazione che dovrebbe essere “tra le prime potenze economiche mondiali”. Quello è il posto che ci compete.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento