Regionali Emilia-Romagna, Bonaccini: "Caro Salvini, cari leghisti, fate i conti senza l'oste"

Il presidente della Regione in risposta alle dichiarazioni del leader della Lega

"Caro Salvini, cara Borgonzoni, cari dirigenti leghisti che anche oggi avete annunciato che a gennaio 'prenderete' la Regione, mi dispiace informarvi che l’Emilia-Romagna non la può 'prendere' nessuno, perché appartiene ai suoi cittadini, non a questa o quella forza politica". Così il presidente della Regione Stefano Bonaccini su Facebook in risposta alle dichiarazioni del leader della Lega Matteo Salvini che domenica 29 settembre ha visitato il Villa Coldiretti allestito in centro, mentre il giorno prima era stata la volta dell'ex alleato, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte

"Non c'è discussione, la scelta è fatta: per la prima volta da cinquant'anni ce la si gioca. L'Emilia-Romagna dopo cinquant'anni può cambiare" aveva detto Salvini, ma il governatore non ci sta: " Al massimo potrete provabonaccini-3re a vincere e, successivamente, provare a governarla. Nel frattempo ci sono appunto le elezioni, dove non conteranno i selfie, ma i voti nelle urne. Se mi è permesso, consiglierei un po’ più di umiltà. Perché ho l’impressione che stiate facendo i conti senza l’oste - e conclude - E l’oste siamo tanti. A presto".

Lucia Borgonzoni, ribadisce: "Stiamo lavorando alla squadra, al progetto e al programma. Una squadra che sarà la più inclusiva possibile, nel senso che non ci saranno solo le solite liste del centrodestra ma ci sarà tanto in più".

Salvini a Bologna: "Su Borgonzoni la scelta è fatta"\VIDEO

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

Torna su
BolognaToday è in caricamento