Giovedì, 17 Giugno 2021
Elezioni regionali Emilia-Romagna 2019

Sanità, affondo Borgonzoni sui medici di base: "Tagli a scapito dei pazienti"

La candidata del Carroccio in Emilia-Romagna snocciola dati sulla diminuzione dell'organico nelle provincie

Lucia Borgonzoni resta all'attacco sulla sanità. Stavolta la candidata del Carroccio alla presidenza della Regione Emilia-Romagna punta il dito sulla carenza dei medici di base, stimati in 116 in meno dal 2010 ad oggi solo in Emilia.

"Nel dettaglio- recita una nota che cita dati della Regione- in provincia di Bologna i medici di base sono passati dai 693 del 2010 ai 651 del 2019 (-42), in provincia di Modena da 505 a 478 (-27), in provincia di Reggio Emilia da 320 a 314 (-6), in provincia di Parma da 289 a 272 (-17), in provincia di Piacenza da 212 a 188 (-24).

"Sono dati che mettono in luce una errata programmazione", chiosa Borgonzoni. "Se è vero che il calo è diffuso- prosegue la senatrice della Lega- è altrettanto vero che numeri così dimostrano anche che c'è stata una politica, targata Pd, miope, che evidentemente ha privilegiato la riduzione della spesa, a scapito dei pazienti, costretti a percorrere sempre più chilometri per accedere alle cure del proprio medico. E i disagi, per chi vive in Appennino, nelle zone isolate e per i pazienti anziani, aumentano in maniera esponenziale".

Secondo Borgonzoni, "occorre mettere in campo una visione sempre più orientata al modello dell'ospedale diffuso, una rete sanitaria territoriale con medici meglio distribuiti e con orari adeguati alle necessità, alla gestione della salute, e alla necessita' di dare risposte adatte a un'aspettativa di vita che cresce". (Bil/ Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, affondo Borgonzoni sui medici di base: "Tagli a scapito dei pazienti"

BolognaToday è in caricamento