Elezioni Comunali 2012 Provincia di Bologna Porretta Terme

Elezioni Porretta Terme, candidati a confronto: Cioni / Carboni

Intervista a doppia alle due candidate donne Nicla Cioni, appoggiata dalla Lega, e Maria Marta Carboni, lista civica "Per Porretta" appoggiata da PDL, UDC e Socialisti. Scopriano programmi, visioni e formazioni

A colloquio con BolognaToday le candidate a sindaco di Porretta Terme alle prossime elezioni amministrative: Maria Marta Carboni, lista civica “Per Porretta” appoggiata da PDL, UDC e Socialisti, e Nicla Cioni, Lega Nord.

Nome, cognome, professione.
N.C
. Nicla Cioni, perito aziendale. Nubile, vivo a Lizzano da 15 anni.

M.M.C. Maria Marta Carboni, insegnante di lettere nella scuola secondaria di 1° grado di Gaggio Montano. Abito a Porretta Terme.

Ha già avuto esperienze politiche?
N.C. Sono stata candidata consigliere comunale alle Amministrative del 2009 a Bologna e Lizzano e ancora a Bologna nel 2011. All'interno del Movimento Lega Nord ho ricoperto diversi incarichi e da 20 giorni sono stata eletta Segretario Provinciale.

M.M.C. Sono alla mia quarta esperienza amministrativa: la prima esperienza risale al 1990, sono stata Vicesindaco e Assessore alle Politiche Sociali e alla Sanità fino al 1992 nella lista della DC.  Dal 2002 al 2005 sono stata Vicesindaco e Assessore alla Sanità e Politiche Sociali come indipendente nella lista Sabattini. Dal 2005 sono Consigliere comunale con la lista civica “Per Porretta”, completamente autonoma. Attualmente sono una indipendente e la mia lista sarà appoggiata dal PDL, UDC e Socialisti.

Se sarà eletta Sindaco, cosa caratterizzerà il suo mandato?
N.C. Trasparenza, efficienza amministrativa e un contatto diretto con la cittadinanza.

M.M.C. L’approccio al dialogo e la considerazione dei cittadini, dato completamente assente da  10  anni a Porretta. Altro punto fondamentale e’ arrestare il degrado: curare l’ordine, la pulizia, l’arredo urbano, dando linee guida di comportamento ai cittadini, soprattutto quelli del centro storico, molto bello ma non e’ valorizzato. Mettere ordine alla viabilità che e’ caotica, effettuare azioni concrete per favorire il reale rilancio delle Terme promuovendo incontri con imprenditori locali e l’attuale dirigenza. Le Terme sono un’azienda privata, ma molto importante per l’economia di Porretta e l’amministrazione locale non può assolutamente disinteressarsene.

E' tempo di crisi e sono i cittadini a risentirne realmente. Azioni e proposte concrete?
N.C. Per cominciare, inizierò individuando ed eliminando gli sprechi che purtroppo caratterizzano molte amministrazioni, inclusa quella di Porretta. Una volta terminate queste operazioni, valuteremo, confrontandoci con i porrettani, su come reinvestire o destinare le risorse risparmiate. Una ricalibrazione delle regole per l'accesso ai servizi sociali, per troppo tempo sbilanciati a favore degli stranieri e a discapito dei nostri anziani.
M.M.C. Il commercio e’ caratterizzato dall’innegabile crisi economica: purtroppo c’è anche il fatto degli affitti molto cari dei negozi che purtroppo costringono i commercianti a chiudere o a cambiare ubicazione, decentrando alcuni negozi importanti. Questo porta ad un progressivo impoverimento del centro cittadino che deve essere invece ripopolato: la nostra proposta fondamentale è creare le condizioni perché le scuole primarie e medie siano trasferite nell’edificio dell’ex-ospedale al centro del paese: e’ necessario verificare la fattibilità di questa proposta con accordi chiari con l’attuale proprietà. La cultura a Porretta è stata valorizzata in questi ultimi anni, ma noi abbiamo contestato che sono stati organizzati eventi rivolti ad un pubblico limitato. E’ necessario invece diversificare le proposte culturali dando spazio alle associazioni giovanili locali che fino a 10 anni fa organizzavano tutte le manifestazioni estive con buon successo. Porretta Soul è un’iniziativa  fondamentale da potenziare, invitando durante la settimana del soul diversi gruppi italiani talentuosi che arricchiscano la settimana della musica.

Cosa lascia la vecchia amministrazione?
N.C.
Beh, il fatto che nessuno della precedente Giunta "se la sia sentita di rimetterci la faccia", la dice lunga. Di certo la Giunta Sabattini ci ha lasciato un modello amministrativo anacronistico, sviluppato e collaudato per altri tempi, dove le amministrazioni facevano poca amministrazione e tanta politica. In virtù, però, dei ridottissimi budget ai quali i piccoli comuni si devono oggi adeguare, sarà necessaria una riforma strutturale.

M.M.C. lascia l’ospedale nuovo che non e’ opera di questa amministrazione ma era già stato pianificato 10 anni fa; lascia un bilancio comunale sull’orlo del collasso; lascia un patrimonio comunale impoverito; lascia una macchina comunale appesantita da assunzioni improprie ed esagerate per un comune della dimensione del nostro; lascia un paese  in degrado  poco curato e per niente amato!!
 
Quale suo avversario stima di più? E con chi ha più divergenze?
N.C. Non li conosco molto, quindi non mi esprimo. Senz'altro chi si espone in prima persona, mettendoci la faccia, è degno di lode. Non ho niente di personale nei confronti di Marta Carboni ma, su chi la sostiene, invece, avrei molto da dire. Spetterà però a loro spiegare ai rispettivi elettori e militanti per quale ragione hanno deciso di sostenere proprio lo stesso candidato del quale erano avversari 5 anni fa e che con la sua candidatura, impedì, di fatto, alla nostra lista (Lega+PDL+UDC+Civici) di sconfiggere Sabattini e conquistare il Comune. Aggiungiamoci il fatto che l'ennesima ricandidatura della Carboni ha tutta l'aria di essere mossa da ragioni personali. Evidentemente l'ex assessore della Giunta Sabatini ha dei conti in sospeso con alcuni esponenti del centrosinistra porrettano.

M.M.C. sicuramente l’Avvocato Nesti (candidato del centro-sinistra n.d.r.) che ha già avuto esperienza amministrativa e che e’ uno stimato professionista.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Porretta Terme, candidati a confronto: Cioni / Carboni
BolognaToday è in caricamento