menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Matteo Renzi alla Festa dell'Unità: 'Vinciamo, ma meglio al primo turno'

Il Premier oggi in città in chiusura della campagna elettorale del sindaco Merola. Ha invitato attivisti e volontari ad andare "casa per casa in queste ultime ore di campagna elettorale'

Dopo il comizio elettorale di Matteo Salvini, finito con un centro blindato e dure contestazioni da parte dei collettivi studenteschi, oggi - venerdì 3 giugno - a Bologna è atteso il Premier Matteo Renzi.
Il primo ministro a due giorni dal voto, per chiudere la campagna elettorale del Pd e sostenere così la corsa del sindaco uscente, Virginio Merola è ottimista ma "meglio se al primo turno" ha detto dal palco dove è salito insieme a Merola e al segretario Pd Francesco Critelli. Il

Renzi ha invitato attivisti e volontari ad andare "casa per casa in queste ultime ore di campagna elettorale, a incontrare le persone e chiedere un voto, non solo per Virginio" ma "un voto per Bologna- afferma Renzi- e l'Italia ha bisogno di Bologna, che sia forte e solida perchè solidale. È l'occasione per dimostrare che i valori umani che fanno grande una città sono anche quelli che servono all'Italia e all'Europa". 

Merola ha invece attaccato gli avversari, in primis i 5 stelle che "sono nati qui e qui subiranno la più sonora sconfitta della loro storia", prevede Merola. In questa campagna elettorale, "non abbiamo potuto confrontarci con avversari locali, per gli altri hanno parlato i big nazionali. Ma possiamo non solo vincere, ma vincere bene". Il riferimento è anche al vicepresidente della Camera Luigi Di Maio il 1° giugno in città per sostenere Massimo Bugani.

"Sono andati in 100 in piazza solo per offendere il sottoscritto. Avrei potuto querelarlo e avrei facilmente vinto", manda a dire, "quanto a Matteo Salvini, "ha potuto parlare in piazza Maggiore e farsi intervistare a Palazzo D''Accursio, quindi non c'è nessun bavaglio. Lo respingiamo con la forza tranquilla alla democrazia. Al Pd è il vero voto anti-leghista". Ma Merola ha preso di mira anche Coalizione civica. "Certe forze alla nostra sinistra non hanno avuto il coraggio di dire a quelli di Hobo quello che sono, fascisti che non meritano di stare una città democratica che chiede e merita rispetto".

Pure per Renzi contestazioni annunciate. Si mobilitano i "no salvabanche". Attraverso una nota, infatti, fanno sapere i risparmiatori "espropriati dal decreto salvabanche, saranno presenti per chiedere conto al primo ministro di questa truffa di sistema e del rimborso farlocco che il suo governo intende adottare". I risparmiatori reclamano il "rimborso totale e generalizzato subito", rimarcando che il Governo deve "tenere giù le mani dai nostri risparmi!".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento