menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, "pasticcio" al seggio delle Guercino: sul posto la Borgonzoni

Mattinata movimentata al seggio 392 dove è stata aperta un'urna per un controllo. La candidata del centrodestra piombata sul posto

Controlli al seggio 392 di via Longo, alle Scuole Medie Guercino dove dalle 7 di questa mattina si vota per le elezioni comunali. Poco prima di mezzogiorno infatti ci si sarebbe accorti che i conti non tornavano fra numero di schede e registrazioni: il dubbio sorto era che una coppia avesse votato senza prima essere registrata. Per chiarire la questione, in via eccezionale, si sarebbe deciso di aprire l'urna per fare un controllo, che  ha portato i conti a "quadrare". A riportare la vicenda è Luca D'Oristano, autore della pagina Facebook "Riprendiamoci Bologna" e capolista dell'omonima Lista Civica (che appoggia la candidatura della leghista Borgonzoni), avvertito del fatto dal suo rappresentante al seggio, Elia Pirone. 

Informata sui fatti, Lucia Borgonzoni si è precipitata al seggio, sbottando: "Incredibilmente ben due persone sarebbero sfuggite allo sguardo e alle procedure di registrazione pre-voto". Per la candidata della Lega Nord inoltre la stanza avrebbe mantenuto finestre e porte aperte anche dal lato del cortile, dal quale è facile avvicinarle e ipoteticamente "un malintenzionato potrebbe anche decidere di portarsi via gli scatoloni con i voti!".

Sulla questione è stato interpellato anche il presidente dell'ufficio elettorale Nicola Aiello, che ha chiesto alla presidente di seggio di verbalizzare l'accaduto.  

FOTO: Le porte aperte che secondo Lucia Borgonzoni non garantirebbero la dovuta sicurezza

WhatsApp-Image-20160605-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento