Elezioni Bologna 2021

Elezioni, il candidato 21enne Daniele Aiello (FI): "In politica giovani più protagonisti e meno spettatori"

INTERVISTA. E' candidato al consiglio comunale e al quartiere Borgo Reno. La Bologna per cui è sceso in politica è una città "più libera, sicura e pulita"

Daniele Aiello è il candidato più giovane della lista di Forza Italia. Promotore al Senato (nel 2019) di una proposta di legge sul reato di Revenge Porn assieme ai senatori Annamaria Bernini e Enrico Aimi, oggi si impegnarmi in prima persona "per i tanti giovani che hanno ancora voglia di crederci, ma soprattutto per convincere i giovani che ormai si sono arresi". 

Chi è Daniele Aiello? Come e per chi si candida? Come e quando ha deciso di farlo e cosa rappresenta per lei l'impegno politico?

"Sono Daniele Aiello, ho 21 anni e studio Giurisprudenza. Mi candido a Consigliere Comunale e Presidente del Quartiere Borgo Panigale- Reno nella lista di Forza Italia. Mi sono sempre occupato del sociale e soprattutto interessato all'attività politica in città, fin da giovanissimo all'età di 13 anni. Nel 2019 sono il promotore al Senato di una proposta di Legge sul Reato di Revenge Porn con Forza Italia assieme ai Senatori Annamaria Bernini e Enrico Aimi. Da Ottobre 2020 sono Coordinatore dei giovani di Forza Italia Bologna. L'attività politica di questi anni tra banchetti, manifestazioni e soprattutto di ascolto dei cittadini sempre nell'interesse di Bologna mi ha portato ad aumentare l'impegno, mettendoci come ho sempre fatto la faccia e candidandomi a 21 anni nel Comune di Bologna e a Presidente di uno dei Quartieri roccaforte della sinistra. Semplice? No, potevo fare altro soprattutto in una città difficile come Bologna dove purtroppo chi la pensa diversamente è costretto a subire dalle scuole fino al posto di lavoro. E proprio per questi motivi ho deciso di impegnarmi in prima persona per i tanti giovani che hanno ancora voglia di crederci, ma soprattutto per convincere i giovani che ormai si sono arresi, essere un piccolo spiraglio per quei giovani che credono in una Bologna: pulita, sicura, libera e viva".

Quali sono le parole chiave del suo programma? 

"Le parole chiave del mio programma sono: Una città libera, pulita, sicura e che guardi al futuro".

Secondo lei negli ultimi 10 anni quali errori sono stati fatti dall'amministrazione?

"In questi ultimi 10 anni di amministrazione Merola, i cittadini non sono stati ascoltati. Ci ritroviamo una Città con Portici (patrimonio Unesco) imbrattati ovunque, strade maleodoranti e soprattutto insicurezza nel centro storico e nelle periferie. Una Città con una mobilità allo sbando; ciclabili pericolose, è impossibile trovare parcheggio oltre al costo elevato delle strisce blu, una tangenziale che non risponde più alle esigenze dei cittadini e invece di proporre il Passante Sud come più volte abbiamo sollecitato propone il “gassante di mezzo” (passante di mezzo), che non risolverebbe assolutamente i problemi della mobilità di Bologna. Ci lasciano con l'avvio del People Mover un'altra opera che ha un utilità ahimè ridottissima...

Il mio slogan elettorale è 'Bologna è la città che amo', e proprio perché amo la mia città, non voglio che venga distrutta come ad esempio con il Tram, un'altra opera totalmente inutile per la nostra città che danneggerebbe in modo devastante le attività commerciali e ghettizzerebbe le nostre periferie già lasciate al loro destino".

Elezioni comunali: candidati, interviste, sondaggi, vox populi e informazioni utili per il voto 

Che appello fa agli elettori? 

"Il mio appello è rivolto a tutti gli elettori giovani e meno giovani che vogliono una città diversa, stanchi di scelte scellerate da parte di questa amministrazione, ma soprattutto a tutti i cittadini responsabili. I giovani sono il futuro di questa città e dell'intero paese, avere un giovane in consiglio comunale vorrebbe dire avere una voce giovane che guarda al futuro, attenta alle esigenze dei cittadini".

Secondo lei l'esito di queste comunali è davvero così scontato? 

"In questi anni nelle campagne elettorali ho capito che i sondaggi contano il giusto e fino a quando non avremo i risultati, nulla è dato per perso o vinto. Bologna è contendibile, soprattutto davanti ad una sinistra sempre più estrema a guida Lepore con all'interno: le Sardine, Movimento 5 stelle e coalizione civica. I cittadini bolognesi dovranno scegliere se vogliono una città competitiva e libera. La nostra idea di città è totalmente differente dall'idea di città di Lepore, che si accorge ad una settimana dal voto dei problemi di sicurezza dopo che ha fatto l'assessore nella giunta Merola".

E' molto giovane (21 anni): come e perchè si è avvicinato alla politica? Cosa pensano i suoi coetanei e quanto se ne interessano?

"Noi giovani siamo il futuro se non ci impegnamo noi stessi, mettendoci la faccia, saranno sempre gli altri a decidere per noi. Il gruppo giovanile di Bologna è presente in tutti i quartieri a dimostrazione che vogliamo un rinnovamento all'interno della politica, i giovani come protagonisti e non più spettatori. I giovani purtroppo sono sempre più distanti e disinteressati dalla politica perché la vedono distante da loro, ma soprattutto hanno paura di esporsi o dicono che tanto non serve a nulla perché le cose non sono mai cambiate. Io sono forse un sognatore, ma credo ancora nella buona politica, in un cambio di passo e vorrei che attraverso la mia passione i giovani cominciassero ad occuparsi di una delle cose più belle, ovvero delle persone e della vita comune, la politica".

Elezioni 2021, 47 comuni dell'Emilia-Romagna al voto. 6 tra Bologna e provincia. Ecco dove si vota e quando

Elezioni amministrative Bologna 3-4 ottobre 2021: tutte le liste e i candidati 

Elezioni Bologna, interviste ai candidati a sindaco

Intervista ai candidati sindaci: Dora Palumbo (Sinistra Unita per Bologna)

Intervista ai candidati sindaci: Fabio Battistini (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Popolo della Famiglia, Bologna ci Piace)

Intervista ai candidati sindaci: Matteo Lepore (Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Europa Verde, PSI-Volt, Coalizione Civica)

Intervista ai candidati sindaci: Marta Collot (Potere al Popolo)

Intervista ai candidati sindaci: Stefano Sermenghi (BFC-Bologna Forum Civico, Per Bologna Italexit)

Intervista ai candidati sindaci: Andrea Tosatto (Movimento 3V)

Intervista ai candidati sindaci: Luca Labanti (Movimento 24 agosto-Equità Territoriale) 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, il candidato 21enne Daniele Aiello (FI): "In politica giovani più protagonisti e meno spettatori"

BolognaToday è in caricamento