Elezioni Bologna 2021

Comunali, Cangini: "Salvini impose un candidato della Lega, questa volta un civico"

Dai gazebo in centro, oggi il leader della Lega ha indicato ancora Battistini come "nuova speranza per Bologna". Forza Italia e Fratelli d'Italia convergono sulla candidatura dell'imprenditore

"La volta scorsa Matteo Salvini impose un candidato della Lega, questa volta ha imposto un candidato civico. Oggi come allora si è assunto una grossa responsabilità: spero che l’esito sia migliore". Lo ha scritto in una nota il senatore di Forza Italia e candidato sindaco, Andrea Cangini, a commento delle dichiarazioni di Matteo Salvini, oggi in città. 

"Conto che Fabio (Battistini, ndr) possa essere la nuova speranza per Bologna", ha detto il segretario leghista al gazebo di via Ugo Bassi, affiancato dallo stesso Battistini. Infine Anche Forza Italia converge sulla scelta di Battistini al quale "assicuriamo il nostro incondizionato appoggio politico, per offrire ai bolognesi una concreta e valida possibilità di vittoria, nel convincimento che anche l’alternanza nell’amministrazione della città rappresenta un grande valore". Queste le parole di Enrico Aimi, Coordinatore Regionale di Forza Italia Emilia che oggi, a poche ore dalla visita di Matteo Salvini in città. 

C'è anche Fratelli d'Italia su Fabio Battistini, candidato sindaco del centrodestra a Bologna. "Gli impegni si rispettano", ha scritto sui social il deputato Galeazzo Bignami. "Esattamente lunedì scorso - ricorda Bignami sui social - Giorgia Meloni è venuta a Bologna promettendo che entro una settimana ci sarebbe stata chiarezza sul candidato sindaco. Oggi Fratelli d'Italia ribadisce la disponibilità a sostenere la candidatura di Fabio Battistini a sindaco di Bologna". Per Bignami il "bene di Bologna e l'unità della coalizione vengono prima di ogni cosa e confidiamo che tutti gli alleati convergano su questa proposta. Avanti tutta".

Elezioni, Matteo Salvini al gazebo di via Ugo Bassi. Inizia la campagna elettorale | VIDEO

"A Fabio Battistini, che ho conosciuto in questi giorni - continua Cangini - i più sinceri auguri di vittoria. Potrà, se crede, contare su di me". 

Il parlamentare azzurroi ed ex giornalista ringrazia il presidente Berlusconi e "quanti in Forza Italia si sono impegnati per la mia candidatura a sindaco di Bologna e ai tanti amici, conoscenti e personalità che, indipendentemente dal proprio orientamento politico, hanno speso pubblicamente e privatamente parole lusinghiere nei miei confronti - si legge nella nota - lo scorso dicembre, sette mesi fa, i vertici del mio partito mi chiesero se sarei stato disponibile ad accettare la candidatura a sindaco: spinto dall’amore per la città e da un’insana passione politica, risposi di sì nella convinzione che il sistema di potere che da sempre governa Bologna fosse in crisi e che un cambiamento fosse non solo auspicabile, ma anche possibile. Dare a Bologna una visione di futuro mi era parsa una sfida avvincente, e pazienza se avrei dovuto rinunciare a molto dimettendomi da senatore… Il Comune di Bologna è contendibile da tempo". 

Green pass obbligatorio non solo in discoteca? "Cauto" Bonaccini, contrari Salvini e Meloni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali, Cangini: "Salvini impose un candidato della Lega, questa volta un civico"

BolognaToday è in caricamento