Giovedì, 17 Giugno 2021
Elezioni Bologna 2021 Centro Storico / Piazza Maggiore

Dora Palumbo, candidata per Sinistra Unita: "Il voto utile siamo noi. L'opposizione ha dimostrato il suo valore"

Oggi le presentazioni ufficiali del gruppo che corre alle prossime amministrative: "Il fatto che la maggioranza e i candidati alle primarie abbiano fatto proprie le nostre istanze significa che avevamo ragione. Esempi? Passante e Prati di Caprara"

Dora Palumbo, candidata di Sinistra Unita

"La sinistra 'vera' adesso ha la sua candidata sindaca per Bologna: è Dora Palumbo". Così il gruppo della lista Sinistra Unita ha presentato questa mattina dal cortile del pozzo di Palazzo d'Accursio la propria proposta e il proprio nome (oltre che il logo) per le prossime amministrative, che arriva dal percorso Qualcosa di sinistra per Bologna e alla quale hanno aderito il Partito della Rifondazione Comunista e il PCI, come anche diversi sindacati, movimenti e comitati: "E in caso di ballotaggio la nostra avventura finirà al primo turno, non ci saranno apparentamenti. Ma per il momento siamo aperti a quelle realtà che vogliono rappresentare un'alternativa a sinistra per questa città". 

Elezioni a Bologna, nasce "Qualcosa di Sinistra per Bologna": l'intervista 

"La soddisfazione nell'ascoltare gli altri candidati è scoprire che i temi che abbiamo portato come opposizione siano oggi al centro dei programmi elettorali. Allora avevamo ragione. Eppure abbiamo visto fiumi di commissioni e atti in questi anni sul Passante e sui Prati di Caprara, tanto per citare gli argomenti più caldi. Noi lo abbiamo sempre sostenuto che là dove c'è un bosco che mitiga la nostra aria non poteva sorgere un nuovo quartiere. L'ambiente ci sta molto a cuore e non è una novità". 

La proposta di Sinistra Unita e Dora Palumbo: i tre punti principali spiegati in video

La collocazione politica di Sinistra Unita per Bologna sta all'opposizione del governo Draghi come della giunta regionali di Stefano Bonaccini: da qui la scelta di una proposta radicalmente alternativa al centrosinistra bolognese, sia nella versione Matteo Lepore che in quella Isabella Conti: "Se gli altri candidati porteranno l'Orchestra Sinfonica di Vienna ai Prati di Caprara e daranno ai giovani due mila euro, noi lavoriamo sui valori della sinistra vera" ha detto Michele Terra a proposito delle primarie, facendo dell'ironia sulle proposte dei due contendenti. Con lui anche alcuni dei primi firmatari fra cui Agostino Giordano e Mauro Collina. 

La vecchia questione del 'voto utile': "Utile votare chi rappresenterà la sinistra in consiglio"

"Le elettrici e gli elettori sono presi spesso dall'ansia del voto utile per la paura delle destre. Il voto utile però è proprio votare per noi a queste elezioni, altrimenti non avremo una posizione di sinistra in consiglio comunale. Le istanze che abbiamo portato avanti come opposizione sono argomenti che la maggioranza ha fatto propri e questo indica proprio quale sia il valore dell'opposizione". 

Il voto utile e il voto inutile: Palumbo spiega perchè non ha senso - VIDEO 

Palumbo candidata votata all'unanimità: "Il mio lavoro è stato apprezzato"

E' stata l'assemblea dello scorso 27 maggio a decidere all'unanimità la candidatura a sindaca dell'attuale consigliera comunale Dora Palumbo: "Una scelta per continuare le tante battaglie intraprese dall'unica voce di opposizione di sinistra rimasta in consiglio comunale" le dichiarazioni di Sinistra Unita dopo il voto. "Si vede che quello che ho fatto come consigliera è stato apprezzato" il commento della candidata scelta. La proposta di Sinistra Unita si pone come obiettivo quello di articolare anche sul piano bolognese programmi che mettano al primo posto diritti e salario dei lavoratori pubblici e privati; sanità pubblica; welfare fatto su misura delle esigenze delle persone e non dell’imprenditoria privata; un trasporto pubblico meno inquinante; sostegno al mondo della cultura e dello spettacolo; gestione del territorio al servizio della comunità e non dei costruttori e della speculazione. Un'attenzione particolare vogliamo riservarla alle misure concrete per fronteggiare la crisi climatica ed ecologica.

Chi è Dora Palumbo, la consigliera comunale del Gruppo Misto "Nessuno resti indietro"

Laureata in geologia nel 1987 è abilitata alla professione di geologo. Nel 2011 partecipa ad un master in “Gestione dell’innovazione tecnologica nella Pubblica Amministrazione” presso la “Alma Graduate School” di Bologna. Dopo la laurea svolge a lungo attività di libera professionista. Collabora a numerose ricerche con il Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia dell’Università di Napoli e con il CNR. Dal 1999 ricopre l’incarico di funzionaria, con qualifica di specialista in Ambiente, presso la Regione Emilia-Romagna dove attualmente si occupa di caratterizzazione delle acque al fine di preservare e risanare gli habitat naturali del territorio regionale. Consigliera del Gruppo Misto - Nessuno resti indietro.

Dora Palumbo GRUPPO-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dora Palumbo, candidata per Sinistra Unita: "Il voto utile siamo noi. L'opposizione ha dimostrato il suo valore"

BolognaToday è in caricamento