Elezioni Bologna 2021

Primarie inquinate? Merola: "I cittadini di destra di Bologna sono persone leali". Lepore: "Giù le mani, vorrei rispetto"

Non saranno "primarie inquinate" quelle di Bologna per il sindaco Virginio Merola. Conti: "Da Prodi parole forti, mi hanno ferita". Sardine: "Siamo sul carro giusto"

Non saranno "primarie inquinate" quelle di Bologna per il sindaco Virginio Merola: "Per votare alle primarie bisogna dichiararsi elettori di sinistra, e i cittadini di destra di Bologna sono persone leali", ha detto questa mattina "sono vere e competitive ed è sempre giusto aver fiducia nella democrazia".

"Dirigenti bolognesi anche stamattina hanno fatto appelli sui social chiedendo di votare Conti"

Una sorta di rassicurazione ai timori di uno dei candidati, Matteo Lepore, intervenuto più volte sul tema: "Io e Isabella ci siamo confrontati seriamente, sui temi e crediamo in Bologna e nella democrazia. Quello che a me non piace è l'invasione di campo della destra" poichè i cui dirigenti bolognesi "anche stamattina - prosegue Lepore - hanno fatto appelli sui social chiedendo di votare Conti. Da loro vorrei rispetto, perchè le primarie servono a scegliere il miglior candidato per il centrosinistra. Quindi chiedo ancora una volta ai dirigenti di centrodestra di stare fuori da queste primarie. Probabilmente alla destra stiamo dando fastidio, perchè stiamo facendo scegliere agli elettori, mentre loro non hanno progetti, non hanno un candidato e sono chiusi in una stanza".

Letta a Bologna per Lepore: "Vinciamo qui, poi andiamo al Governo" | VIDEO

"Giù le mani", avverte quindi Lepore "vedo che anche oggi la destra bolognese e anche nazionale, assieme alle parti più conservatrici della nostra città, non risparmiano endorsement nei confronti di Isabella Conti. Vedo che alcuni quotidiani della destra a livello nazionale invitano a votare Conti, su Facebook lo fanno diversi esponenti del centrodestra bolognese. Io chiedo rispetto per le nostre primarie e per gli elettori del centrosinistra", si sfoga Lepore. "Dobbiamo scegliere il miglior candidato che possa rappresentare la città con un'idea progressista e democratica. Queste sono le primarie del centrosinistra, quindi, per favore, giù le mani da queste primarie, la destra stia lontana", chiede l'assessore comunale alla Cultura. "Le primarie saranno una festa e andranno bene, ma gli elettori devono sapere che ci sono tanti esponenti della destra che stanno provando a intervenire, c'è un dibattito che non mi piace attorno a queste primarie", denuncia Lepore. "E' bene che io e Isabella continuiamo a confrontarci sui contenuti e a parlare del futuro di Bologna. Giù le mani, però, da parte di chi non c'entra niente. Siamo orgogliosi di essere il centrosinistra bolognese che sceglierà il proprio candidato assieme ai cittadini, mentre la destra è ancora chiusa in una stanza e non riesce a proporre nulla per la città. Fuori dalle nostre primarie". 

Dalla corsa alle primarie, alle domande dei lettori sulle problematiche calde. Intervista a Matteo Lepore 

Dalla corsa alle primarie, alle domande dei lettori sulle problematiche calde. Intervista a Isabella Conti

Conti: "Da Prodi parole forti"

Non ha preso bene le parole di Romano Prodi, alle primarie "deve scorrere il sangue", la sfidante di Lepore, Isabella Conti: "ho letto ieri parole forti, sono rimasta abbastanza meravigliata, devo dire la verità, abbastanza ferita. Perché quella del centrosinistra è stata la mia casa per tutta la vita, è la mia comunità. Questo accanimento e questa potenza di fuoco che è stata messa in campo nei confronti di una che è stata praticamente la loro figlia, l'unica donna in tutta Italia che si candida per il centrosinistra - continua Conti - dire parole come queste e vedere quello che è successo negli ultimi giorni francamente lo ritengo soprattutto non corretto per il popolo del centrosinistra e per i cittadini di Bologna, che verranno a scegliere chi dovrà essere il loro sindaco, non quale alchimia di partito, quali future alleanze romane...".

Dalla corsa alle primarie, alle domande dei lettori sulle problematiche calde. Intervista a Isabella Conti

Insomma, ricorda ancora Conti, "la qualità della vita non la danno le alchimie di partito, i caminetti romani". E "dire che queste devono essere primarie nelle quali deve scorrere il sangue è qualcosa di talmente violento... Chi l'ha detto ci è riuscito perché mi ha ferito. Io vorrei una città diversa, che parla di cose concrete, che non si fa condizionare da schemi fatti da altri, dove i cittadini non diventano cavie per alchimie di nuove alleanze, vorrei una città armonica, pionieristica, visionaria". Negli ultimi giorni, prende atto comunque Conti, "sono entrate in campo dinamiche nazionali che io non ritenevo nemmeno possibili per certi versi su queste primarie bolognesi. Bologna non è un laboratorio - ribadisce - i bolognesi non sono delle cavie".

Sardine: "Siamo sul carro giusto"

Sulle primarie interviene anche Mattia Santori, tra i fondatori del movimento delle Sardine: "Voi mi dite cos'è che accomuna Gianfranco Pasquino e Giancarlo Tonelli? Quando lo capirò, capirò qual è la visione politica della coalizione che si è legata attorno a Isabella Conti". Lepore in questi anni è stato "sicuramente il migliore assessore di un'ottima Giunta", aggiunge la sardina: "Siamo sul carro giusto ed è bello essere qua a sostenerlo e dirlo perchè questa è una famiglia politica che ha bisogno di tutti".

Bugani: "Continuare a tessere la tela"

"Le strade sono due: una va a sinistra e una va decisamente più al centro, con tante simpatie anche a destra. Quindi è ovvio che è in base alla strada che verrà scelta che si troveranno il 21 lì ad attendere anche i migliori compagni di viaggio". Lo afferma il capogruppo del M5s in Comune, Massimo Bugani, intervenendo all'iniziativa promossa da Emilia-Romagna Coraggiosa per sostenere la candidatura di Lepore e il ticket con Emily Clancy di Coalizione civica. "E' importante dare un segnale, dare una svolta il 20 giugno, dare la possibilità a tutti noi - continua Bugani - di continuare a tessere la tela che da due anni e mezzo" si sta tessendo. Questo "con lo sforzo di tutti noi, soprattutto di chi come me e Clancy è stato all'opposizione, ma da parte di tutti perché - riconosce Bugani - anche per chi è in maggioranza non è poi così facile aprire a chi ti ha rotto le scatole per tanti anni su alcuni temi, ma questo è accaduto e ci sono le condizioni per fare bene, vediamo di non distruggere tutto". (dire)

Primarie centrosinistra a Bologna: si vota il 20 giugno, tutte le info

Primarie, Conti: "Zona 30 su colli e punti centro storico". Convergenza tra i due candidati|VIDEO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie inquinate? Merola: "I cittadini di destra di Bologna sono persone leali". Lepore: "Giù le mani, vorrei rispetto"

BolognaToday è in caricamento