Elezioni Bologna 2021

Elezioni Bologna 2021, Lepore: "Sicurezza e spaccio? Non c'è solo il Pilastro"

Il candidato sindaco ammette i problemi in alcune case popolari vicino al centro. E sul referendum cannabis: "Non ho firmato, vi spiego perché"

Non solo il Pilastro. Il problema dello spaccio e più in generale della convivenza nelle aree residenziali a forte vocazione popolare sono proprie anche di altre zone della città. 

Lo riconosce Matteo Lepore, candidato sindaco e gran favorito per le prossime elezioni amministrative di Bologna. Lepore ha affrontato l'argomento durante una intervista alla Festa dell'unità, appena conclusasi.

Tra le zone più complesse, oltre al Pilastro, l'assessore cita l'area del mercato di Santa Viola e via Malvasia: lì i residenti "hanno negli scantinati delle persone violente che dormono lì, controllano il caseggiato con cani pericolosi e vogliono impedire la partenza dei cantieri" dettaglia Lepore. Su questo "stiamo chiedendo alla Questura di intervenire", riferisce l'assessore alla cultura, sottolineando che più in generale serve "un lavoro delle forze dell'ordine per stroncare il controllo del territorio" da parte di chi spaccia. Questi temi fanno parte dei problemi che Lepore si prepara ad affrontare "controcorrente": perché, assicura, "non sono una persona che nasconde la polvere sotto il tappeto".

Elezioni, Salvini torna a Bologna: "Solo con noi città al sicuro"

Quanto al dossier Pilastro "c'è stato un aumento importante dello spaccio in questo anno e mezzo", continua il canidato sindaco, anche perchè "purtroppo ci sono famiglie che vivono lì e continuano a portare avanti questo tipo di attività. E non possiamo tollerare che queste famiglie continuino a stare nelle case Acer, soprattutto se continuano a commette dei reati".

Poi, infine, un passaggio sui referendum di eutanasia e depenalizzazione della cannabis. "Ho firmato per il referendum sull'eutanasia -osserva il dem- e non per quello sulla cannabis. Credo che in particolare su questa serva un vero e proprio progetto che non può limitarsi a dire 'legalizziamo', un concetto che volendo posso anche condividere", afferma l'assessore alla cultura, ma "il problema è che progetto ha il Paese per contrastare la criminalità organizzata".

A sinistra "dobbiamo fare un passo in avanti su questo", continua l'aspirante sindaco, aggiungendo poi che "ci troviamo in una città in cui bisogna rafforzare i servizi sanitari e sociali per sostenere le persone che cadono nella tossicodipendenza". Perché con la pandemia "c'è stata una crescita molto importante dello spaccio di stupefacenti e un salto di livello della criminalità organizzata e questa cosa va affrontata nel breve periodo anche con un impegno maggiore delle forze dell'ordine", afferma Lepore.

Elezioni Bologna, interviste ai candidati a sindaco

Intervista ai candidati sindaci: Dora Palumbo (Sinistra Unita per Bologna)

Intervista ai candidati sindaci: Fabio Battistini (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Popolo della Famiglia, Bologna ci Piace)

Intervista ai candidati sindaci: Matteo Lepore (Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Europa Verde, PSI-Volt, Coalizione Civica)

Intervista ai candidati sindaci: Marta Collot (Potere al Popolo)

Intervista ai candidati sindaci: Stefano Sermenghi (BFC-Bologna Forum Civico, Per Bologna Italexit)

Intervista ai candidati sindaci: Andrea Tosatto (Movimento 3V)

Intervista ai candidati sindaci: Luca Labanti (Movimento 24 agosto-Equità Territoriale) 


Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Bologna 2021, Lepore: "Sicurezza e spaccio? Non c'è solo il Pilastro"

BolognaToday è in caricamento