Elezioni

Primarie del PD, in corsa per San Lazzaro anche l'Assessore Giorgio Archetti

Un sindaco? "Per svolgere bene questo compito e migliorare la vita di tutti è necessario saper coinvolgere e ascoltare le persone. Le istanze dei cittadini devono essere la priorità"

Si avvicinano le primarie del Partito Democratico, alle urne il 23 febbraio anche i cittadini di San Lazzaro di Savena (ecco i Comuni in cui si vota) per scegliere chi si giocherà le Amministrative del 25 e 26 maggio prossimi. Fra i candidati, anche Giorgio Archetti, attuale assessore con deleghe alla Qualità Educativa, alle Risorse Energetiche, all'Agricoltura e ai Lavori Pubblici della città. Un'intervista per conoscere meglio Giorgio Archetti.

Chi è il candidato Giorgio Archetti?

Sono nato a Bologna il 31 marzo del 1949, figlio del partigiano Arco, sposato con Angela, padre di Simona e Veronica e nonno della piccola Ginevra. Ho studiato all'Università della strada: ho lavorato come operaio tipografico per 17 anni, una preziosa formazione di vita che ha contribuito notevolmente alla crescita della mia coscienza politica. Le qualificate esperienze professionali giunte successivamente mi hanno poi permesso di arricchire ulteriormente il bagaglio di conoscenze e relazioni: ho collaborato per sei anni con la Nazionale Cantanti nell'organizzazione di eventi benefici di rilievo Nazionale e internazionale e ho contribuito alla realizzazione di numerose manifestazioni musicali, artistiche e culturali in Italia e all'estero.

Quale il suo ruolo oggi all'interno dell'Amministrazione del Comune di San Lazzaro?

Sono vicesindaco e assessore con deleghe alla Qualità Educativa, alle Risorse Energetiche, all'Agricoltura e ai Lavori Pubblici; inoltre, sono presidente della Comunità del Parco dei Gessi e Calanchi della Abbadessa, incarico senza retribuzione di cui sono particolarmente orgoglioso: mi permette di occuparmi concretamente dell'ambiente e della biodiversità.

Ci parla della sua scelta di candidarsi alle Primarie?

Mi candido con una lista civica, sostenuta da SEL, perché mi piace la politica dei ”fatti” e delle azioni concrete, senza quelle mediazioni alle quali spesso la vecchia politica ci ha obbligato e con me ci sono donne, uomini e giovani appassionati e coraggiosi, con una gran voglia di mettersi in gioco. In questi anni ho svolto il mio ruolo di amministratore pubblico sempre in coerenza con i miei valori e ideali, poiché ritengo che qualunque agire politico non possa mai prescindere da una tensione morale ed etica, ispirata a valori quali la giustizia sociale, la laicità, l’antifascismo e la memoria, elemento imprescindibile di identità.

Cosa fa/deve fare un buon sindaco?

Sono fermamente convinto che non ci si possa improvvisare amministratori e che, per svolgere bene questo compito e migliorare la vita di tutti, sia necessario saper coinvolgere e ascoltare le persone; le istanze dei cittadini devono essere la priorità di chi ha il privilegio di mettersi al servizio delle persone. Ritengo che una comunità cresca quando intrisa di progetti condivisi e che si possa definire educante solo se la solidarietà ne è il valore fondante: ogni vita ha uguali diritti e bisogni e come afferma Don Milani: Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne insieme è la politica, sortirne da soli è l'avarizia.
Sostengo l’assoluta necessità di una Scuola Pubblica, laica e di qualità, all'interno di un sistema territoriale integrato, dove apprendimento dei diritti di cittadinanza e esercizio di un’ecologia dei comportamenti siano parte essenziale e fondante dell’intero processo formativo dei nostri giovani. Penso che tutti i cittadini possano e debbano contribuire al miglioramento dell’Ambiente con scelte di responsabilità personale e collettiva in grado di influenzare le politiche dei territori, e che la nostra Scuola in questo senso possa svolgere un ruolo strategico. Amo e rispetto tutti gli animali e da sempre mi impegno per la loro tutela con politiche ed azioni concrete. La Terra è la nostra proprietà comune e i comportamenti ecologicamente sostenibili sono la sola garanzia di una sua reale protezione. Credo fermamente nella risoluzione pacifica di qualunque conflitto, ripudio perciò tutte le guerre; appoggio tutte le donne e gli uomini che si battono per la libertà contro ogni forma di repressione e dittatura.
Amo la Politica: come scrive Cesare Pavese, “Tutta la vita è Politica”. Considero l’incontro con essa il più affascinante della mia vita, uno straordinario innamoramento che auguro di cuore ad ogni ragazza e ragazzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie del PD, in corsa per San Lazzaro anche l'Assessore Giorgio Archetti

BolognaToday è in caricamento