Elezioni Politiche: in Emilia Romagna PD primo partito, la Lega non entra in Senato

In Emilia Romagna il Pd va forte e guadagna seggi in Senato con il Movimento 5 Stelle secondo partito. Non entra la Lega ferma sotto il 3%

I 3,3 milioni di elettori emiliano-romagnoli hanno eletto 45 dei 630 deputati e 22 dei 315 senatori. Senza grandi sorprese, il Pd si conferma il primo partito: al Senato guadagna seggi perché Sel non supera il quorum, ma il Movimento 5 Stelle è in seconda posizione, superando il Pdl e portando al Senato quattro donne.
Il Pd perde rispetto alle scorse politiche (ottenne intorno al 45,5%, 20 deputati e 11 senatori) e la Lega, dopo una serie di elezioni sempre in ascesa, non riesce a entrare in Senato, ferma sotto il quorum del 3%. Perde anche il Pdl, che scende da 7 a 4 senatori. Anche Rivoluzione Civile è rimasta fuori del Parlamento, senza eleggere neppure, alla Camera, il capolista Giovanni Favia. I montiani eleggono un solo senatore, Luigi Marino, già presidente nazionale di Confcooperative.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento