Imbrattata sede di Fratelli d’Italia: “Solidali con gli assassini”

Scritte e volantini a seguito della solidarietà espressa dal capolista al Senato Alberto Balboni ai poliziotti condannati per l'omicidio Aldrovandi

La sede regionale di "Fratelli d’Italia", il movimento fondato dagli ex Pdl La Russa, Crosetto, Meloni "E’ stata oggetto di un gesto intimidatorio, a seguito di una polemica che ha visto come protagonista il capolista al Senato, Alberto Balboni... Della vicenda è stata messa al corrente anche la Digos".

Così un comunicato in cui si spiega che "Il senatore Balboni aveva rilasciato delle dichiarazioni relative al trattamento riservato ai Poliziotti condannati per il caso Aldrovandi; le sue parole, artificiosamente strumentalizzate, sono state l'occasione per molti esponenti della sinistra, in primis la candidata Cucchi, per sferrare attacchi inopportuni ed assolutamente fuori luogo, che hanno però portato alcuni teppisti ai gesti odiosi di imbrattare la saracinesca della sede di via Dé Carracci e a spargere volantini accusatori (con scritto sopra 'solidali con gli assassini', ndr) su tutto il marciapiede antistante".
Un clima di odio che, per Balboni “è l'ovvia conseguenza della mistificazione delle mie parole, interpretate ad arte per fomentare gli animi e per guadagnare uno spazio sui giornali. Ilaria Cucchi? Non accetto lezioni da chi usa una tragedia familiare per farsi eleggere in Parlamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

Torna su
BolognaToday è in caricamento