rotate-mobile
Elezioni

Nuovo presidente dell'Emilia Romagna: il 28 settembre le primarie del centrosinistra

Fissata la data e le regole per le primarie del centrosinistra. Si vota dai 16 anni e vanno alle urne anche studenti e lavoratori fuori sede

Fissata la data delle primarie del centrosinistra per decidere chi sarà il candidato alla presidenza dell'Emilia Romagna, dopo le dimissioni di Vasco Errani per il caso Terremerse: si voterà il prossimo 28 settembre 2014. Alle primarie del centrosinistra potranno votare anche i 16enni, gli studenti e i lavoratori fuori sede, oltre a cittadine e cittadini in possesso di permesso di soggiorno e residenti nel territorio regionale. Qualche giorno fa Forza Italia aveva incalzato la decisione della data. Il regolamento è stato sottoscritto dagli esponenti emiliano romagnoli di Centro Democratico, Federazione dei Verdi, Italia dei Valori, Partito Democratico, Partito Socialista e Scelta Civica.

REGOLAMENTO PER LE PRIMARIE. Quanto alle regole delle primarie, viene fissato un contributo di due euro, il bilancio dell'iniziativa - si promette - sara' pubblicato on line e il ricavato servira' a coprire le spese o a finanziare eventi elettorali. Chi perde le primarie deve impegnarsi a sostenere chi le vincera' e il programma di coalizione. Gli elettori dovranno registrarsi entro il 25 settembre e le urne il 28 saranno aperte dalle 8 alle 20; lo scrutinio delle schede iniziera' subito dopo. Per i fuorisede ci saranno seggi ad hoc. Il regolamento delle primarie del centrosinistra prevede anche la costituzione di un comitato organizzatore regionale di altri nelle nove province piu' Imola e Cesena con due componenti per ciascun partito della coalizione. Il comitato regionale pubblichera' on line le sue decisioni e quelle del collegio di garanzia, oltre al recapito dove e' possibile fare avere segnalazioni, all'elenco dei candidati (che devono presentare firme e proposte entro le 12 dell'11 settembre) e ai loro programmi.

CHI SI VUOLE CANDIDARE. Chi si vuole candidare a succedere a Vasco Errani alla guida della Regione Emilia-Romagna dovra', "entro la prima decade di settembre", raccogliere almeno 4.000 firme distribuite su non meno di cinque province, con almeno 250 firme ogni territorio.

(Fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo presidente dell'Emilia Romagna: il 28 settembre le primarie del centrosinistra

BolognaToday è in caricamento