Il consigliere ‘pinguino mangia-Sardine': "Solo provocazione. Noi sovranisti riempiamo piazze senza animaletti"

Dietro la maschera da pinguino c'è il consigliere leghista di Casalecchio di Reno Umberto La Morgia. L'intervista

I pinguini mangiano i pesci e quindi anche le sardine. Questo il senso della "performance" del consigliere comunale della Lega di Casalecchio di Reno Umberto La Morgia che ha acquistato un bel costume online e si è fatto una passeggiata in Piazza Maggiore simulando una merenda a base di quelle Sardine che hanno popolato quello stesso luogo la sera del 14 novembre, il giorno in cui il Paladozza ha ospitato Matteo Salvini

"Per una volta ho scelto la satira - racconta La Morgia, 30enne di origini romane trasferitosi a Bologna da qualche anno ed eletto consigliere a Casalecchio alle passate amministrative, il più votato del suo partito - visto che mi occupo sempre di temi delicati e controversi come le ideologie LGBT, l'anti-femminismo e il tema dei padri separati". 

"Uomini violenti? 90 per cento denunce false", poi le scuse: bufera su consigliere Lega

E come le è venuta in mente questa idea del pinguino? "In reazione alla manifestazione anti-salviniana delle Sardine su Facebook è nato il gruppo dei 'Pinguini', che in pochissimi giorni ha raggiunto 100 mila iscritti: da qui nasce la mia iniziativa, che non è stata nè una manifestazione, nè un invito alla mobilitazione visto che noi sovranisti e in generale il centrodestra siamo già in grado di riempire le piazze senza animaletti vari. Ero da solo, ho fatto una passeggiata e ho raccolto le reazioni delle persone. Quando ho postato la foto ecco che subito le sardine mi hanno attaccato, mentre tanti altri hanno apprezzato". 

Chi sono i 'Pinguini'

E in mano proprio una sardina..."In realtà per esigenze 'cinematografiche' ho scelto una spigola, visto che la sardina è troppo piccola, praticamente invisibile...". 

Piazza Maggiore gramita: la folla anti-Salvini

 Oltre ad essere consigliere di opposizione nel Comune di Casalecchio cosa fa nella vita? "Sono un trentenne e ho quindi la stessa età degli inventori del movimento delle Sardine, sono laureato, lavoro nel marketing-innovazione e parlo cinque lingue compreso il cinese. Alle passate comunali sono stato il più votato del mio partito". 

Cosa succederà secondo lei alle elezioni regionali del 26 gennaio? "Penso che questa volta il cambiamento sia possibile anche in Emilia-Romagna e credo si possa assistere a una svolta storica, almeno questo è il sentiment. Nonostante quello che sostiene la Sinistra noi di contenuti ne abbiamo e sono molte le proposte per questa regione. Sono a disposizione della nostra candidata alla presidenza Lucia Borgonzoni e come lei penso che l'Emilia-Romagna possa passare da una velocità 6 a una velocità 10". 

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Incidente, scontro frontale a Castel Guelfo: 24enne grave al Maggiore

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento