Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Europee, Pizzarotti: "L'Europa ci cambia la vita in meglio, finora governi instabili"

Il sindaco di Parma oggi a Bologna per la presentazione delle liste europee di Italia Comune e +Europa

 

Italia Comune e +Europa insieme per le elezioni europee del 26 maggio. Un'alleanza che potrebbe prolungarsi e andare oltre questo primo appuntamento elettorale. Per quanto riguarda le europee, qui la lista, l'obiettivo è raggiungere il 4%. "Serve più Europa perché ci può cambiare la vita in meglio", afferma il capolista della circoscrizione Nord Est Federico Pizzarotti, nonché sindaco di Parma, che nel caso di elezione a Bruxelles dichiara di preferire quella di sindaco della prossima capitale della cultura.

"Fanno passare l'immagine di una Europa che vessa i più deboli - continua - ma forse perché non abbiamo avuto governi stabili in grado di contare in Europa". Quanto alla concorrenza, l'ex sindaco M5s ricorda il rapporto altalenante dei gialloverdi con l'Europa. "Il 5 stelle è partito dal proporre un referendum per l'uscita dall'euro e dall'Europa, finito in niente, e oggi dicono un po' quello che diciamo noi, inseguendo chi è europeista da sempre", afferma.

La coalizione per le regionali in Emilia-Romagna? Dipende da come va il voto del 26 maggio nei Comuni. Su questo Pizzarotti aspetta i segnali che arriveranno dalle urne nei Comuni per il Pd, teorico perno dell'alleanza anti-centrodestra (e anti-M5s) per viale Aldo Moro. "Per le regionali l'elemento dirimente saranno i risultati alle amministrative in Emilia-Romagna, oltre che delle europee", dice Pizzarotti. Ma a contare sarà  soprattutto il voto per le città.

"Abbiamo tanti capoluoghi che vanno al voto, abbiamo le elezioni in Piemonte. È evidente che il risultato del partito maggiore, il Pd, in questi contesti, cambierà anche lo scenario e l'equilibrio per le regionali".

Alle amministrative Italia in Comune ha presentato 21 liste in diversi municipi dell'Emilia-Romagna. "Abbiamo bei candidati- spiega il coordinatore regionale Serse Soverini- aspettiamo fiduciosi il 27 maggio e siamo convinti che in Emilia-Romagna Italia in Comune sarà protagonista delle amministrative e per le regionali".

Per quanto riguarda l'appuntamento di fine anno (o inizio 2020) per il rinnovo dell'Assemblea legislativa regionale "è chiaro che il nostro orientamento è rispondere decisamente alla Lega e al Movimento 5 stelle, ma vogliamo anche una formula innovativa che ci permetta di essere vincenti alle regionali".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento