rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Politica

M5S, Piazza: "No firme false. Valuterò autosospensione"

Il consigliere regionale, indagato per presunte irregolarità nella raccolta firme in vista delle elezioni regionali 2014, si dice tranquillo e a disposizione del movimento: "Prima di tutto il suo bene"

"Al momento sono tranquillo credo di aver agito nel rispetto di tutte le regole. Non ci sono firme false, non ci sono ricopiature e cose strane, non ne avevamo assolutamente bisogno". Lo dichiara Marco Piazza, consigliere comunale del M5s a Bologna, indagato dalla Procure per le firme raccolte in vista delle elezioni regionali del 2014. "Ho appreso oggi dai giornali di essere iscritto nel registro degli indagati, già questa credo sia una cosa su cui riflettere, ma non è mi è stato notificato nulla", precisa Piazza, intercettato in Comune al termine di alcune riunioni.
"Attendo si sapere cosa mi viene constestato", aggiunge il grillino, che è anche vicepresidente del Consiglio comunale: "Appena lo saprò lo renderò pubblico".

"Per quanto riguarda il Movimento, sono a disposizione. Prima di tutto viene il bene del Movimento". Marco Piazza, il consigliere comunale di Bologna del M5s indagato per le firme raccolte in vista delle regionali del 2014, risponde così ad una domanda sull'ipotesi di una sua autosospensione. "Il bene del movimento viene prima di tutto- dichiara Piazza- e vogliamo dare anche in questa occasione un segnale di strasparenza, di coerenza e di onestà. Per cui, qualunque cosa sarà per il bene del movimento la farò, senza alcun problema".

Aggiunge il grillino: "Valuterò in questi minuti e probabilmente se ci dovrà essere un'autosospensione ci sarà, ve lo faro'' sapere in giornata". La decisione sarà presa in autonomia o dopo aver sentito Beppe Grillo? "Lasciatemi ragionare con serenita''. Ho appena preso questa cosa ed è normale che mi serva un po'' di tempo", risponde Piazza. Intanto, però, dopo che è emersa la notizia dell'indagine, Piazza e il leader del M5s non si sono parlati. "Non ancora", spiega il consigliere comunale, "avevo però anticipato a tutti che sapevamo ci fosse un'inchiesta, era già uscito sui giornali, questa cosa era nota". (agenzia  Dire)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

M5S, Piazza: "No firme false. Valuterò autosospensione"

BolognaToday è in caricamento