Immigrazione, forzanovisti in protesta contro le politiche sui migranti

Lacrimogeni e striscioni, Forza Nuova è scesa in strada lamentando "la scellerata politica nazionale sull'immigrazione e lo stanziamento selvaggio di 224.000 euro della giunta Merola"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Vietata la piazza, i manifestanti forzanoviti sabato scorso sono comunque scesi in strada a Bologna in protesta contro le politiche nazionali e locali sull'immigrazione. La manifestazione avviata tra striscioni, qualche fumogeno e slogan, si è svolta senza incidenti.

manifestanto forza nuova"Un nutrito gruppo di attivisti e simpatizzanti di Forza Nuova - alcuni provenienti anche da altre città - ha dato vita ad una azione di protesta contro la scellerata politica nazionale sull'immigrazione e sullo stanziamento "selvaggio" di 224.000 euro a cura della giunta comunale di Merola, destinati agli extracomunitari in difficoltà economiche". Così si legge in una breve nota divulgata dal partito, che ha inoltre voluto sottolineare come "questa iniziativa è tesa a sottolineare lo stato critico in cui è costretto a sopravvivere la cittadinanza italiana vessata da politiche disinvolte in tema di Welfare. "

PERMESSO NEGATO. La movimentazione è nata tra dinieghi e piccati j-accuse. Infatti, gli aderenti a Forza Nuova Bologna, alla vigilia della manifestazione lamentarono il rifiuto all'avvio della loro manifestazione in piazza della Mercanzia: "In questa città - dichiararono piccati - che vede indignati o esponenti dei centri sociali scendere in piazza almeno una volta alla settimana bloccando il traffico, sfasciare vetrine e scatenare la violenza, occupare spazi con il beneplacito della giunta Merola, capita che per chi vuole fare politica rispettando le regole vengano applicati divieti assurdi." Questa la denuncia mossa dopo il ' due di picche ' ricevuto: "Avevamo dato comunicazione già da un paio di settimane al comune - fecero notare i forzanovisti - ci è stata vietata dalla questura adducendo come motivo fantomatici problemi logistici e di traffico".

Torna su
BolognaToday è in caricamento