Politica

Fusione Castenaso-Granarolo: noi consiglieri d’opposizione rispettiamo le regole

Siamo costretti a fare un comunicato stampa per fare un po' di chiarezza.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Riteniamo che l'articolo sulla fusione pubblicato sul Resto dl Carlino del 9/7 scorso non rappresenti correttamente la situazione che si è creata nei Consigli comunali di Castenaso e Granarolo a seguito della presentazione dello studio di fattibilità. Il titolo riferisce che "l'idea fusione comincia a piacere", ma ciò non ha riscontro nella realtà dei fatti. Le obiezioni mosse dalle opposizioni di Castenaso sono invece state prese in seria considerazione dalla maggioranza, al punto da fare dichiarare al capogruppo: "Non è giusto accusarci di avere già deciso tutto: nulla è deciso. Valutiamo i numeri che la Spisa ci propone. Se la valutazione sarà positiva andremo verso la fusione, se sarà negativa ci fermeremo". Quindi nulla di più lontano da un'idea di fusione che "comincia a piacere". Questo rappresenta anche l'orientamento prevalente fra i consiglieri di maggioranza di Castenaso, i quali preferiscono valutare nel merito i risultati dello studio prima di esprimersi. Esistono anche posizioni apertamente contrarie che, come nel caso del consigliere ex-Prima Castenaso Mazzoncini, hanno determinato addirittura l'uscita dal gruppo di maggioranza per formare un gruppo misto. Quindi usare l'espressione "l'opposizione nicchia" per descrivere l'attività di informazione e documentazione svolta dalle minoranze risulta poco rispettoso del nostro ruolo istituzionale e della realtà dei fatti, molto più interlocutoria della descrizione fatta dall'articolo. Va infine ricordato che la versione completa dello studio è stata consegnata alle due Giunte prima dei Consigli del 6/7, mentre le opposizioni hanno ricevuto copia del documento solo successivamente e lo stanno tuttora esaminando. In queste condizioni non è possibile affermare che "l'idea piace" o che le opposizioni di Granarolo non avrebbero avanzato particolari obiezioni, come dichiarato dalla sindaco Lo Conte. Non siamo stati messi in condizione di esprimere in Consiglio un parere informato. Consiglieri di Castenaso Stefania Saggin, Fabio Selleri, Angelo Mazzoncini, Mauro Mengoli Consiglieri di Granarolo Giuseppe Minissale, Carlo Trenti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fusione Castenaso-Granarolo: noi consiglieri d’opposizione rispettiamo le regole

BolognaToday è in caricamento