Galliera, fusione? Game over fino al 2019

Si è concluso per il momento con un nulla di fatto l’iter che avrebbe portato alla cancellazione del Comune di Galliera e quindi alla FUSIONE con i Comuni di San Pietro in Casale, Pieve di Cento e Castello D’Argile.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Si è concluso per il momento con un nulla di fatto l’iter che avrebbe portato alla cancellazione del Comune di Galliera e quindi alla FUSIONE con i Comuni di San Pietro in Casale, Pieve di Cento e Castello D’Argile. Uniti per Galliera esprime grande soddisfazione pur consapevole che non si tratti di uno stop vero e proprio, quanto piuttosto di un rinvio al prossimo mandato elettorale (2019-2024), “per questo motivo continueremo a vigilare ponendo la dovuta e meritata attenzione su un argomento che tocca indistintamente tutta la cittadinanza” dice Stefano Zanni. “per il pd occorre pù tempo” avrebbero scritto i segretari dei circoli locali del pd provando a giustificare il grande flop di questo tentativo di cancellare storia e tradizioni del Comune di Galliera e degli altri tre Comuni coinvolti. E’ singolare quanto preoccupante che un tema così delicato venga politicamente personalizzato e trattato fra pochi intimi, avviato e fermato da poche persone afferenti il medesimo partito politico. Diego Baccilieri non soddisfatto tuona: “Un comunicato a firma dei segretari di partito non ha alcun valore, ci saremmo aspettati un documento a firma del Sindaco ma poiché questo non è avvenuto abbiamo portato in Consiglio Comunale, congiuntamente con il M5S, un documento votato all’unanimità che impegna il Sindaco a bloccare ogni ipotesi di fusione fino al termine di questo mandato elettorale (2019) – una cosa sono i partiti, un'altra le Istituzioni (differenza a noi molto chiara, ad altri meno ...)”. La consigliera Giulia Ventura sottolinea anche alcuni aspetti positivi “Sono stati mesi di confronto e di informazione, di banchetti e raccolta firme, di incontri e serate pubbliche sul tema Fusione – occasioni importanti per riscoprire assieme alla cittadinanza quanto sia importante la storia del nostro territorio (da valorizzare e non da cancellare), l’associazionismo e il volontariato (da sostenere e non da mettere in difficoltà) ed il coinvolgimento – parola oggi sconosciuta a questa amministrazione”. Galliera ha dimostrato ancora una volta come decisioni imposte dall’alto non siano più accettabili, scelte come questa non possono più prescindere dal coinvolgimento e il benestare di chi da anni vive il proprio territorio nel bene e nel male.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento