Sabato, 20 Luglio 2024
Politica Centro Storico / Piazza Maggiore

I primi tagli del Sindaco: dimezzato stipendio staff, abolita tassa materne

Oggi prima Giunta deliberativa: si inizia decurtando del 50% le spese dell'Amministrazione. Delibera anche sull'abolizione della tassa d'iscrizione alle materne, Pillati assicura "La copertura c'é"

Oggi pima Giunta deliberativa, due grosse novità messe in cantiere: l'abolizione della tassa di iscrizione alle scuole materne e il taglio delle spese della nuova Amministrazione.

TASSA MATERNE. Uno dei primi atti della giunta di Virginio Merola è appunto l'abrogazione della misura presa durante il periodo commissariale, che prevedeva una quota di iscrizione alle scuole dell'infanzia. A spiegarlo, nella conferenza stampa che ha seguito la prima riunione ufficiale della squadra di Merola, è stata Marilena Pillati, assessore alla scuola.

La delibera verrà proposta al consiglio comunale: dalla 'tassa' l'amministrazione aveva previsto di incassare 500.000 euro, che sarebbero stati versati all'inizio del prossimo anno scolastico: "Gli uffici - ha chiarito la Pillati - ci hanno assicurato che la copertura c'é". Spetterà al lavoro delle commissioni consiliari e dello stesso consiglio discutere su come far quadrare i conti. I 500.000 euro, ha comunque proseguito l'assessore, vanno misurati all'intera spesa per le scuole dell'infanzia, che è di poco al di sotto dei 40 milioni.

Con un altro provvedimento previsto, poi, il Comune riaprirà le iscrizioni agli asili nido Vestri e Roselle, dopo che saranno ultimati i lavori di manutenzione. Durante l’estate il nido Roselle sarà oggetto di alcuni interventi di manutenzione. A settembre la struttura sarà pronta per accogliere i bimbi in tutta sicurezza.

TAGLI AGLI STIPENDI. Oggi sono anche state deliberate le nomine e i compensi dei componenti dello staff del sindaco, legati al suo mandato. Con una spesa, per l'amministrazione, tagliata del 50% rispetto ai primi cittadini che lo hanno preceduto.

COMPENSI STAFF. Il capo ufficio stampa sarà Cristiano Zecchi, con uno stipendio annuale di 60.700 euro lordi. Poi Matteo Caselli, addetto stampa (42.700 euro) e Enrico Di Stasi, segreteria del sindaco (36.700 euro). Il capo di gabinetto sarà Marco Lombardelli (68.700 euro). Direttore generale Giacomo Capuzzimati, che andrà in aspettativa dall'incarico di direttore del settore Urbanistica: al suo attuale stipendio si aggiungerà un'indennità di 57.900 euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I primi tagli del Sindaco: dimezzato stipendio staff, abolita tassa materne
BolognaToday è in caricamento