Politica

Imola, primi 100 giorni di mandato Sangiorgi: "Capire le esigenze della comunità"

Il sindaco: "Nuovi incontri ribadiscono la ferma volontà politica ed operativa della massima trasparenza. Una sinergia che sarà rafforzata e supportata dalla completa rendicontazione dell'operato di questa importante fase iniziale amministrativa della città"

Proseguono gli incontri con i cittadini curati dall'amministrazione comunale di Imola per illustrare i primi 100 giorni del mandato. Ne sono stati programmati altri due, infatti, dopo i primi sei svoltisi a fine settembre che hanno coinvolto i quartieri Zolino, Cappuccini, Campanella, Pedagna e le frazioni di Ponticelli e Sesto Imolese. Ora, nello specifico, gli appuntamenti si terranno mercoledi' 10 ottobre ale 20.30 al Centro sociale Sasso Morelli e giovedi' 18 ottobre, alle 20.30 al circolo culturale Zello: saranno presenti, a rotazione, un assessore e consigliere di maggioranza.

"Questi nuovi incontri ribadiscono la ferma volontà politica ed operativa della massima trasparenza con l'intero elettorato. Una sinergia che sara' rafforzata e supportata dalla completa rendicontazione dell'operato di questa importante fase iniziale amministrativa della citta'; una lente di ingrandimento informativa che vertera' sugli obiettivi raggiunti e sulle problematiche riscontrate a tre mesi di distanza dall'insediamento in Comune della giunta Sangiorgi", spiega in una nota il Comune, aggiungendo: si tratta di "una preziosa occasione di confronto nella quale carpire con crescente minuzia di dettaglio le esigenze della comunita' e raccogliere, dalla stessa, eventuali contributi ed osservazioni. La cittadinanza e' invitata alla partecipazione". Intanto il Pd punta il dito sul decoro urbano chiedendo di continuare a investire risorse, soprattutto per il centro storico e in alcune aree, "allargando l'attenzione a tutto il territorio comunale. Perche' una citta' sporca e' un danno per l'ambiente e per l'economia dovendo dirottare risorse per le pulizie straordinarie".

I dem spiegano che il "rifiuto gettato fuori dal cassonetto o dai contenitori, o il non rispetto della propria citta', dei propri parchi, dei propri luoghi di aggregazione e' un danno per Imola e per chi la vive, che sia un cittadino, un lavoratore o un turista. Per questo chiediamo di attivare un percorso partecipato di sensibilizzazione verso il tema del decoro urbano e del senso civico partendo dalle scuole". Il Pd sollcita anche "controlli e sanzioni per chi sara' sorpreso a gettare sigarette o sporcizia per terra o per i padroni di cani che non raccolgano le feci utilizzando gli appositi kit".

Inoltre andrebbero sperimentate "la videosorveglianza nelle aree di conferimento rifiuti" e mappate e incrementati "il numero dei cestini e posaceneri". Con una mozione che chiama in causa il terreno della partecipazione, il Partito democratico chiede anche di avviare un percorso in commissione "per valutare sanzioni e meccanismi premianti per il decoro della citta', come ad esempio vetrine di locali affacciati su strade pubbliche".

Comitati di gestione per il mantenimento delle aree verdi

Infine, "di avviare collaborazioni con gruppi spontanei di cittadini che intendono contribuire al mantenimento di aree della citta', come aree verdi di quartiere, assieme agli enti preposti dal Comune, riproponendo in un'altra forma un'esperienza tanto virtuosa nel passato ad Imola come quella dei comitati di gestione". E, concludono i dem, "visto il tema cosi' importante auspichiamo un sostegno unitario di tutti gli schieramenti politici". (Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imola, primi 100 giorni di mandato Sangiorgi: "Capire le esigenze della comunità"

BolognaToday è in caricamento